Referendum, l’emerito: “Con Sì il parlamento torna ad essere luogo degno”

 

Il presidente emerito Giorgio Napolitano in una lectio magistralis a Classedem, scuola di formazione Pd, ha parlato del Referendum costituzionale che si svolgerà il 4 dicembre.

napolitano

Se vince il Sì è una cosa molto buona per l’Italia” – ha detto Napolitano – per questo “dobbiamo stare molto attenti a come portare avanti questa campagna referendaria, c’è tempo due mesi, ma non si è partiti bene, si sono commessi molti errori, favorendo la campagna del No”.
Il riferimento di Napolitano è chiaro, dice: “Renzi ha capito. Ma per un periodo troppo lungo la campagna è stata caratterizzata da una impostazione che facilitava chi, fregandosi completamente del merito della riforma, incitava a votare contro Renzi”.

È arrivato il momento di “sciogliere con le riforme le remore fatali per l’efficienza del sistema Italia” e “portare il segno della determinazione riformatrice“, ha spiegato Napolitano. “È giunto il momento di superare le anomalie che hanno segnato il percorso istituzionale italiano. Dobbiamo misurarci con le molteplici lezioni del passato, anche recente – ha sottolineato Napolitano. Le diverse fasi ci dicono in quali errori non ricadere e anche a quali risultati positivi richiamarci. Non tutto è da rimuovere, abbiamo il dovere di fare una analisi critica ma anche di rispetto di quanto ha preceduto le attuali generazioni giovani del Pd”.

Se vince il referendum istituzionale, avremo la possibilità di tornare a rendere il parlamento un luogo degno” ha affermato inoltre Napolitano: “tra decreti e fiducie – ha aggiunto – il parlamento è stato ridotto uno straccio. Tutto questo può finire con questa riforma”.

Sull’Italicum, Napolitano ha ricordato come allearsi per governare non sia una bestemmia. “Quando si voterà nel 2018, se siano tre raggruppamenti o tre partiti è difficile a dirlo”, comunque “si può essere i primi senza avere una maggioranza assoluta. Non si può considerare una bestemmia cercare alleati per governare”.

Napolitano, Renzi per ballottaggio? A me non risulta
“A me non risulta”. Cosi’ Napolitano ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano se secondo lui Renzi intenda aprire un confronto sulle modifiche all’Italicum senza tuttavia modificare la parte relativa al ballottaggio, che ritiene dirimente. Per Napolitano, favorevole a una revisione della legge elettorale che elimini il ballottaggio, non è così: “Renzi ha detto che indicherà delle ipotesi e poi si andrà a un confronto”. Dunque, per l’ex Presidente della Repubblica, il premier sarebbe disponibile a rivedere la parte dell’Italicum relativa al ballottaggio.  rainews.it/dl/rainews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -