La Ue proroga le sanzioni contro il Burundi fino a ottobre 2017

 

Hanno sanzionato mezza Africa, ne impediscono lo sviluppo e poi fingono di piangere per i migranti che fuggono dalla fame. La Kyenge tace e il razzista sarebbe Salvini?

burundi

La Ue ha deciso di prorogare le sanzioni contro il Burundi, che è uno dei Paesi piu’ poveri del mondo, fino al 31 ottobre 2017. Le misure riguardano il congelamento dei beni e il divieto di viaggi nella Ue contro 4 persone che stanno ostacolando la ricerca di una soluzione politica per la crisi nel Paese africano. Le quattro persone nella lista nera sono: il vicedirettore della Polizia Bizimana, il capo di gabinetto della Presidenza Ndirakobuca, l’agente dei servizi segreti Niyonzima e l’ex generale dell’Esercito Ngendakumana. Le loro attivita’ – secondo la Ue – hanno minato la democrazia in Burundi. (AGI)

Il Burundi è in condizioni di estrema povertà. I suoi tassi di mortalità sono tra i peggiori in Africa.  141 su 1000 bambini muoiono prima di aver compiuto 5 anni.

Un sacco di gente in Burundi non ha accesso ad un approvvigionamento all’acqua potabile. L’88% dei decessi sono dovuti ad acqua potabile non sicura e mancanza di pratiche igieniche.

Elezioni Burundi: vincitore sgradito alla UE, parte il ricatto economico

Rivoluzione colorata in Burundi, Mogherini sospende gli aiuti

Burundi, presidente sgradito alla UE: violenze a Bujumbura

Burundi: il governo dice No alle forze Onu nel Paese

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -