Burundi: il governo dice No alle forze Onu nel Paese

 

burundi-Pierre-NkurunzizaBujumbura – Il governo del Burundi ha detto “no” al dispiegamento di una forza Onu nel Paese. Venerdi’ scorso le Nazioni Unite hanno adottato una risoluzione, su proposta della Francia, che prevede l’invio in Burundi di 228 poliziotti, con la scusa di far rispettare i diritti dell’uomo. Una forza che dovrebbe restare nel paese per un anno e la cui missione puo’ essere prolungata.

Il Burundi, grande piu’ o meno come la Sicilia, è un Paese ricco di risorse naturali come uranio, nichel e cobalto, per la verità sfruttate con scarsa lungimiranza.

Elezioni Burundi: vincitore sgradito alla UE, parte il ricatto economico

Le prime avvisaglie di un rifiuto da parte del paese di concedere l’ingresso di una forza Onu, si erano gia’ viste sabato scorso quando e’ stata organizzata una manifestazione di protesta davanti all’ambasciata francese nella capitale, proprio dalle forze governative. Oggi si e’ avuta l’ufficialita’.

Il portavoce del governo di Bujumbura, Philippe Nzobonariba, attraverso una nota ufficiale, scrive che “il governo del Burundi rigetta tutte le disposizioni della risoluzione in rapporto all’invio di una qualsiasi forza nel Paese, perche’ e’ in violazione della sovranita’ territoriale“. Nella nota il portavoce aggiunge che le forze di difesa e sicurezza del Burundi “controllano perfettamente la situazione su tutto il territorio nazionale”. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -