Siria: Isis è l’islam. Coccolato dall’Occidente stermina i cristiani

 

L’ embargo imposto alla Siria? «Un crimine contro la popolazione».

I cristiani? «Siamo a rischio estinzione, da un milione e mezzo siamo passati a mezzo milione. È in atto contro di noi un genocidio ma non perdiamo la speranza».

cristiani-isis

Antonio Sanfrancesco – Famiglia Cristiana

L’ Isis? «Si rifanno a una corrente radicale dell’ islam, quella wahabita. Fanno le stesse cose dell’ Arabia Saudita, crocifissioni incluse, ma questo non si può dire. È un tabù». La convivenza con i musulmani? «Buona, nonostante tutto. Con molti di loro collaboriamo per aiutare gli sfollati».

L’ Europa? «Troppo debole, ci aspettavamo facesse di più ma sono fiducioso sulla conferenza di Ginevra perché adesso tutti vogliono la pace e disfarsi delle migliaia di combattenti stranieri». L’ intervento della Russia? «Positivo perché ha fatto perdere all’ Isis circa il 25% del territorio occupato e spinto verso il processo di pace».

E la situazione attuale? «Manca l’ acqua e l’ elettricità, ad Aleppo prima della guerra c’ erano quarantatremila aziende e attività commerciali. Ora non c’ è più nulla». Così si vive ad Aleppo, la città martire siriana, nelle parole di Georges Abou Khazen, vicario apostolico della città in visita a Milano dove martedì ha fatto tappa al Pirellone della Regione Lombardia per incontrare alcuni consiglieri e poi portare la sua testimonianza in un incontro pubblico promosso dal Centro culturale di Milano.

«L’ Isis coccolata dall’ Occidente»
Il conflitto siriano dura da cinque anni e mezzo, ha provocato (fonte Onu) già quattrocentomila morti mentre i profughi andati all’ estero, sparsi tra Giordania, Libano e Turchia, sono 4 milioni e seicentomila su una popolazione di circa 22 milioni di abitanti. Gli sfollati interni sono circa 12 milioni, ventimila le persone scomparse.

siria

Aleppo è divisa in due tra un’ area controllata dal governo di Bashar al-Assad e una in mano alle milizie ribelli. Dopo la tregua durata qualche settimana («abbiamo trascorso una Pasqua tranquilla e molti abitanti di Aleppo hanno scritto ai loro parenti per rientrare in città», dice monsignor Khazen) nei giorni scorsi la fragile tregua si è rotta e sono ricominciati i bombardamenti. La gente è stremata, racconta il monsignore, da sette mesi manca l’ elettricità e ci si arrangia con i generatori elettrici. L’ acqua è un miraggio. «Un milione e mezzo di persone sono a secco», dice, «per fortuna ci sono i pozzi nei conventi e nelle moschee».

Il tessuto commerciale e industriale della città è andato completamente distrutto. «Molti macchinari sono stati rubati e venduti in Turchia, lo stesso hanno fatto con il grano stipato nei silos. Mancava la farina per fare le ostie e ho chiesto aiuto ai miei amici pasticceri. Come chiesa aiutiamo la povera gente e distribuiamo un pacco alimentare al mese per ogni famiglia. Manca tutto: il pane e il lavoro». Ma la speranza resiste ancora.

Sulla reale volontà di sconfiggere l’ Isis da parte di Europa e Stati Uniti, Khazen dà un giudizio chiaro: «La guerra non basta», dice, «in ogni caso prima dell’ intervento russo l’ assedio di Aleppo è durato per tre anni e mezzo nell’ indifferenza dell’ Occidente che non solo non ha detto nulla ma aiutava lo Stato islamico ad espandersi fino a conquistare il 50% del territorio siriano. La Turchia ha continuato a comprare il nostro petrolio mentre sono hanno scavato alla buona nei siti archeologici e venduti i reperti senza catalogarli. L’ Isis si finanzia in questo modo».

Leggi il seguito >>>>

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -