“Pasta scotta e riso acquoso”, per i (finti) profughi arriva lo chef pakistano

 

mensa-profughi

Reggio Emilia, 3 maggio 2016 – Piatti unici come nella tradizione culinaria pachistana e africana. Cucinati da uno chef che ben conosce la gastronomia dei migranti. È la ricetta del ristorante Il Locomotore e della Dimora d’Abramo per spegnere le polemiche dei migranti che mercoledì si sono lamentati per la qualità del cibo – dalla pasta scotta al riso troppo intriso d’acqua secondo loro – davanti alla questura. E andargli ancora una volta incontro.

Reggio Emilia: decine di pakistani protestano per la cottura del cibo

Protesta dei profughi: “Il riso è troppo acquoso. E abbiamo paura dei cervi”

«Siamo sicuri della bontà del nostro menu – spiega Paolo Masetti, uno dei responsabili del punto ristoro in zona stazione che sfama oltre 200 richiedenti asilo di ben 16 nazionalità differenti – e soprattutto della varietà che offriamo, con molta attenzione verso le loro esigenze e il loro credo religioso. Però siamo disponibili a cambiare qualcosa se necessario. Stiamo valutando coi responsabili della Dimora di inserire nel menu, una volta a settimana, un piatto unico come piace a loro. E stiamo pure parlando con uno chef che ben conosce i piatti pachistani e africani. Se sarà possibile sarà direttamente lui a prepararli. Il nostro sforzo è davvero massimo».

Legg il seguito su Resto del Carlino



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -