FMI ai Paesi del Golfo: Risanare conti pubblici, prezzo del petrolio sarà basso per anni

fmi-petrolio

 

La crescita nei paesi nei paesi arabi del Golfo (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Oman e Qatar), che nel 2016 dovrebbe rallentare a +2,7% contro un pil di +3,2% nel 2015, non può più dipendente soltanto dai ricavi legati al petrolio e al gas. Ad affermarlo è il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde in occasione della conclusione del meeting in Qatar con i ministri delle finanze e i governatori della banche centrali dei paesi del Golfo (Gulf Cooperation Council).

Attualmente nei paesi del Golfo, sottolinea Lagarde, “una grande fetta di entrate fiscali e legate alle esportazioni provengono dal petrolio. Con i prezzi del greggio che sono fortemente diminuiti dalla metà del 2014, i ricavi dalle esportazioni di greggio nel 2015 dovrebbero essere inferiori per 275 miliardi di dollari rispetto al 2014“. Proprio per questo in molti paesi dell’area si sono deteriorati i conti pubblici.

I paesi del Gcc, sostiene Lagarde, “devono procedere ad aggiustamenti di bilancio” anche perché l’andamento attuale basso del prezzo del petrolio “dovrebbe persistere per alcuni anni”. Tutti i paesi del Gcc “hanno bisogno di avviare un risanamento dei propri conti pubblici anche se le dimensioni di questo aggiustamento o l’urgenza varia da paese a paese”.

Adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -