La Turchia si tradisce: “ISIS ingrato, traditore e abietto”

Condividi

 

erdogan-isis

 

”Come e’ ingrato, traditore e abietto Daesh”, cioe’ l’Isis: stanno suscitando forti polemiche in Turchia le parole pronunciate ieri dal premier Ahmet Davutoglu in un comizio elettorale nella citta’ sudorientale di Sanliurfa in vista del voto anticipato del primo novembre.

Analisti e commentatori discutono in queste ore sulle ragioni dell’uso dei termini ”ingrato” e ”traditore” riferiti al Califfato: una presunta gaffe che riporta sulla scena le accuse, giunte da piu’ parti, di un sostegno nei mesi scorsi del governo di Ankara al gruppo jihadista. Come l’Isis, ha aggiunto Davutoglu, ”anche il Pkk e’ abietto, traditore, vile”.  IL NORD

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -