Il Pd e l’orrore della Coop Forteto, dove si stupravano i bambini

Il Pd e lo scandalo del Forteto, dove si stupravano i bambini

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Consiglio regionale ha respinto a maggioranza una mozione a firma Giovanni Donzelli (Fratelli d’Italia) sulla richiesta di commissariamento della cooperativa del Forteto. La mozione è stata sostenuta da tutti i gruppi di opposizione.
Il capogruppo di Fratelli d’Italia chiedeva con l’atto presentato al presidente della Giunta di attivarsi presso il Ministero dell’Economia affinché venisse riconsiderata l’ipotesi di commissariamento della cooperativa.

Donzelli ha riepilogato i dati emersi dalla prima commissione regionale sul Forteto. In primo luogo “non è vera – ha detto – la differenza tra fondazione e cooperativa”. Ha ricordato inoltre quanto accadeva al Forteto, dove “le persone venivano schiavizzate, i minori costretti a lavorare la notte, ai malati non veniva concessa la malattia e persone venivano punite fisicamente perché al lavoro non rendevano abbastanza”.

Infine, il mancato rispetto delle leggi per contributi allo Stato con “raggiro delle istituzioni statali per massimizzare gli utili”. L’elemento più grave, come evidenziato dal consigliere regionale, è che “ad oggi al Forteto lavorano fianco a fianco i denunciati e i denuncianti, persone condannate in primo grado sono sul posto di lavoro a comandare i testimoni”. “Il commissariamento – ha concluso – è l’unico atto che può salvare quella realtà economica e tutelare i lavoratori.”

Anche Stefano Mugnai, capogruppo Forza Italia e già presidente della prima commissione d’inchiesta sul Forteto, è intervenuto a sostegno della mozione. “Sulla vicenda della cooperativa – ha detto il consigliere regionale – si gioca una partita di interessi concreti. C’è l’interesse legittimo di voler salvare una realtà economica del territorio che esiste da anni, ma per ciò che è avvenuto quella cooperativa si tutela se la scinde dal destino della setta. Il commissariamento è il passaggio tecnico necessario per garantire il futuro a quella realtà”. “La vicenda del Forteto – ha concluso Mugnai – non si chiuderà finché la cooperativa resterà il braccio economico e politico sul territorio nelle disponibilità del profeta e dei suoi adepti”.

Seppur condividendo l’intervento di Mugnai, Paolo Bambagioni (Pd) ha invitato Donzelli a ritirare la mozione per “non condizionare i lavori della commissione che è stata istituita ieri su una posizione già presa come questa”. “Anch’io ritengo – ha detto il consigliere – che la via del commissariamento sia quella migliore per salvare l’azienda e i posti di lavoro, ma diamo alla nuova commissione la possibilità di lavorare”.

Manuel Vescovi, capogruppo Lega Nord ha invitato l’aula ad esprimersi all’unanimità sull’atto “per un commissariamento con figura terza che possa andare lì e vedere tutto quello che succede”. “Questa mozione arriva 30 anni dopo quello che doveva essere un atto di ufficio della Procura della Repubblica – ha detto Jacopo Alberti (Lega Nord) –”. Alberti ha espresso voto favorevole all’atto e ha definito “grave” il fatto che ci sia l’intenzione di far presiedere la nuova commissione sul Forteto da un esponente della maggioranza.

Il capogruppo, Leonardo Marras, ha espresso la posizione del Pd e ha annunciato il voto contrario per “l’intempestività, la non pertinenza della mozione e il pregiudizio politico”. “Quando parlo di pregiudizio mi riferisco all’evidente pregiudizio politico. Di fronte ai fatti e all’accertamento di verità la condanna deve essere senza mediazioni. Vorrei che venisse capito fino in fondo che c’è la disponibilità del Partito democratico a collaborare”.

Marras ha parlato del consigliere Bambagioni: “Ha speso parte della sua esperienza in questa vicenda ed è garanzia del lavoro del Consiglio alla ricerca della verità nei rapporti tra il Forteto e la pubblica amministrazione”. Marras ha ribadito “non è vero che la realtà economica e produttiva del Forteto e la comunità sono la stessa cosa e non devono esserlo. La cooperativa che si è già rinnovata, deve avere la forza di farlo fino in fondo da sola, quello che è inaccettabile è che le vittime siano ancora accanto nel lavoro a chi è stato condannato”.
Andrea Quartini è intervenuto per esprimere voto favorevole del Movimento 5 Stelle. “Un atto, il commissariamento – ha detto – che condividiamo al 100 per cento e che riteniamo dovuto per rendere giustizia a soggetti che sono stati annientati. Non possono prevalere interessi di partito”.

.firenzetoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -