Protesta dei presunti profughi: “pasti e igiene inadeguati”

protesta-immigrati2

VENEZIA – Un centinaio di presunti profughi ospitati in una residence ad Eraclea (Venezia) hanno occupato una strada nel centro della località balneare per protesta. Eraclea Mare ospita circa 270 migranti al residence “Magnolie”. Si sono vissuti momenti di forte tensione, chiamato d’urgenza il prefetto Cuttaia

I migranti si sono seduti sul manto stradale ed hanno anche esposto uno striscione lamentando le condizioni in cui sarebbero trattati. Si lamentano del sovraffollamento (erano poco più di 200 ed ora hanno raggiunto le 400 unità), dei pasti ritenuti insufficienti e delle condizioni igieniche che sarebbero scarse, addirittura per mancanza di sapone. Anche l’assistenza sanitaria, a loro dire, sarebbe carente.

A mantenere sotto controllo la situazione, che non è degenerata, carabinieri e polizia.

Ieri, sempre nello stesso residence di clandestini,  c’era stata una  sassaiola improvvisa, poi alcuni tafferugli tra migranti di diversi paesi , tra lo stupore dei residenti e turisti impauriti. Sul posto sono arrivati immediatamente carabinieri e polizia di Stato, poi l’ambulanza per soccorrere un ferito, fortunatamente non grave.



   

 

 

1 Commento per “Protesta dei presunti profughi: “pasti e igiene inadeguati””

  1. e questo purtroppo non è che il principio, dopo mesi e mesi di stallo questi dovranno avere un posto per dormire e un lavoro, mi domando cosa faranno le autorità che ora non riescono a mantenere neanche questa situazione, figuriamoci poi, resteranno per anni mantenuti da noi, nei loro paesi questo non esiste, solo con questo buonismo all’ italiana si può fare quello che si vuole, povera Italia con questo governo che ha gli occhi bendati e non vuole o non riesce a capire

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -