“Spaccio, violenze e rapine: ecco chi sono i rifugiati accolti dallo Stato”

“SPACCIO, VIOLENZE E RAPINE: ECCO CHI SONO I ‘RIFUGIATI’ ACCOLTI DALLO STATO. COMPLIMENTI GOVERNO RENZI-ALFANO!”

spaccio-droga

 

Spaccio di droga anche al nono mese di gravidanza, rapine e violenze di ogni genere: ecco cosa sono venuti a fare in Italia i clandestini presunti profughi che lo Stato accoglie a braccia aperte con tanto di status di rifugiati. Ne sono la prova gli episodi accaduti a Vicenza dove è stata sgominata una banda di spacciatori nigeriani con lo status di ‘rifugiati’ e dove un liberiano, anch’esso rifugiato politico più volte arrestato e mai espulso, è tornato indisturbato in città a fare danni e a compiere reati. Complimenti al Governo Renzi-Alfano: questi gravi fatti sono la conseguenza della loro fallimentare e disastrosa gestione dell’emergenza immigrazione”.

Lo dichiara l’europarlamentare della Lega Nord Mara Bizzotto, sugli arresti a Vicenza di una banda di spacciatori nigeriani con lo ‘status di rifugiati’ e di un rifugiato di nazionalità liberiana che, nonostante il curriculum criminale e i precedenti arresti, si trova ancora in libertà.

“Ecco i frutti della tanto celebrata politica dell’accoglienza voluta dalla sinistra che considera tutti gli immigrati una risorsa per le nostre comunità –continua l’on. Bizzotto– Altro che rifugiati politici che scappano dalla guerra: tanti di questi immigrati vengono nel nostro Paese a delinquere e ad ingrossare le fila della criminalità, sapendo che c’è uno Stato colabrodo che li accoglie senza tanti problemi e che permette loro di fare ciò che vogliono”.

“Quante volte ancora dobbiamo assistere a fatti del genere? E’ ora di dire basta a queste situazioni: i falsi rifugiati politici che delinquono nelle nostre città devono essere espulsi e rimandati subito a casa loro” conclude l’eurodeputata Bizzotto.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -