Donna uccisa e bruciata a Catania, arrestato 32enne marocchino

Omicidio Plaia, giallo risolto: la vittima è la cinquantenne Letizia Consoli

letizia-consoli-zakaria-ismaini

 

E’ un marocchino di 32 anni, Zakaria Ismaini, l’uomo fermato per aver ucciso a Catania la cinquantenne Letizia Consoli il 7 febbraio scorso sul lungomare de La Plaia di Catania e di avere appiccato il fuoco al bungalow dove è stato commesso il delitto.  Letizia Consoli era scomparsa il 29 novembre scorso, poi ritrovata dopo le ricerche e l’appello lanciato dai familiari, che si erano dichiarati preoccupati per lo stato di salute della donna, da tempo in depressione.

L’uomo è anche indagato per un omicidio commesso con modalità simili in Puglia

Per quanto riguarda l’omicidio di Catania, la squadra mobile era intervenuta, su segnalazione dei vigili del fuoco, alle 9 circa del 7 febbraio presso il Villaggio Turistico Europeo, dove era stato rinvenuto il cadavere di una donna, subito trasferito presso il Porto di Catania.

Sulla vittima vi erano profonde ferite da taglio in varie parti del corpo, nonché altre ferite da taglio superficiali e vaste ecchimosi al viso e sul corpo. Il sopralluogo eseguito da personale del locale Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica nel bungalow portava al sequestro, tra altri reperti, di un pezzo di trave in legno con l’estremità acuminata, con tracce di sostanza ematica – poi risultata l’arma letale – ed un accendino di colore giallo; inoltre, si rilevavano chiare tracce di trascinamento sull’arenile dal bungalow in direzione della battigia.

LA RICOSTRUZIONE DEL DELITTO

A seguito delle prime indagini, la stessa sera dell’omicidio, la Procura della Repubblica aveva autorizzato l’intercettazione telefonica dell’indagato, Si era appreso così che l’indagato era sottoposto a intercettazione da parte della Procura di Brindisi per un altro omicidio. Dall’analisi del tabulato di Ismaini sono stati così rilevati i contatti con un’utenza intestata a Consoli Letizia Agata Giulia, donna catanese di 50 anni.

Gli ulteriori accertamenti ed il riconoscimento dei parenti hanno consentito – come spiegato nella nota della Questura- di acquisire la certezza che Consoli fosse la donna assassinata alla Playa. Ulteriori accertamenti tra cui l’esame del registro chiamate sul cellulare di Ismaini e la visione dei filmati degli impianti di video-sorveglianza del vicino villaggio “Le Capannine”, luogo dove Ismaini aveva spontaneamente dichiarato di dimorare e dove aveva trascorso la notte tra il 6 ed il 7 febbraio, hanno consentito di acquisire più che gravi indizi di colpevolezza a suo carico in ordine al delitto per omicidio

Le conversazioni effettuate da Ismaini con altri interlocutori in lingua araba avevano evidenziato il proposito di lasciare l’Italia. Nel pomeriggio del 14 febbraio scorso, l’assassino è stato così rintracciato all’interno di un peschereccio ormeggiato presso il Porto di Catania e condotto presso gli Uffici della Squadra Mobile. Qui, in tarda serata, ha reso dichiarazioni confessorie nel corso di interrogatorio reso al P.M. della Procura Distrettuale della Repubblica titolare delle indagini.

cataniatoday.it



   

 

 

1 Commento per “Donna uccisa e bruciata a Catania, arrestato 32enne marocchino”

  1. Che dire bisogna accoglierli i clandestini, parole sempre sentite e ripetute dai nostri Politici non fanno altro e non hanno altro in bocca bisogna accoglierli e aiutarli, ma non ho sentito bisogna aiutare i bambini Italiani che x la crisi muoiono tutti i giorni come le persone anziane che vanno rovistando nella spazzatura per sopravvivere, mi fermo qui!!!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -