Libia, Tripoli in mano alle milizie islamiche “issare le bandiere della Sharia”

libia4

1 sett – Il governo libico dimissionario, rifugiato nell’est del paese, ha riconosciuto oggi che le milizie ribelli controllano le sedi dei principali ministeri e dei servizi pubblici della capitale Tripoli.
In concreto, in un paese ormai piombato nell’anarchia, il potere di fatto è nelle mani delle milizie mentre le autorità governative hanno perso di fatto qualsiasi controllo della situazione.

Oggi i jihasti di Ansar al Sharia hanno dichiarato che il nuovo Consiglio dei rivoluzionari di Tripoli, che aveva annunciato la volontà di creare uno stato democratico, “viola i principi dell’Islam”. “Ci siamo rivoltati contro Gheddafi e ora Haftar per issare le bandiere della Sharia – affermano – non per creare un nuovo tiranno che permetta il ritorno all’egemonia occidentale”

In un comunicato, il governo provvisorio diretto da Abdallah al-Theni spiega che le milizie armate impediscono il funzionamento di qualsiasi servizio di stato nella capitale e impediscono ai funzionari ministeriali come a ogni impiegato dei servizi pubblici di recarsi al lavoro.

Intanto infuria la battaglia, per il terzo giorno consecutivo, attorno all‘aeroporto Benina di Bengasi. Lo riferiscono testimoni oculari. I miliziani di Ansar al Sharia tentano di conquistare lo scalo, strappandolo alle forze di Khalifa Haftar che ancora lo controllano.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -