Senato: convegno per riconoscimento, tutela e promozione sociale dei rom

ckk17 set – In Italia vivono circa 170.000 rom e sinti, che rappresentano la terza minoranza piu’ cospicua sul territorio nazionale. Eppure in quanto ”sprovviste di territorio” le comunita’ rom e sinte in Italia non sono state fino a oggi riconosciute a livello normativo come minoranze culturali e linguistiche e, pertanto, non godono della tutela assicurata ad altre 12 minoranze nel paese. Su questo tema si riflette oggi al convegno ”Rom, Sinti e Caminanti: una proposta di legge per il riconoscimento, la tutela e la promozione sociale della minoranza”, organizzato dall’Associazione 21 luglio.

Oltre al ministro per l’Integrazione, Cecile Kyenge, intervengono ai lavori: il senatore Francesco Palermo; il presidente dell’Associazione 21 luglio, Carlo Stasolla; Paolo Bonetti dellUniversita’ degli studi Milano Bicocca; Aurora Sordini, giurista dell’ Associazione; Ulderico Daniele, antropologo dell’Universita’ Roma Tre. Il riconoscimento normativo dei rom come minoranza nazionale ”e’ urgente perche’ potrebbe costituire un presupposto essenziale per restituire dignita’ a chi, come rom e sinti, vive da tantissimi anni in Italia”, ha detto Stasolla, presidente dell’Associazione 21



   

 

 

4 Commenti per “Senato: convegno per riconoscimento, tutela e promozione sociale dei rom”

  1. berav, bravi…. non hanno un ca..o da fare?

  2. Ma tutta questa gente che ha partecipato al convegno, perchè al posto di senteziare e sparare cazzate non rifletta un attimino e colleghi cervello alla ragione?
    Sono loro che non vogliono integrarsi
    A loro piace il soldo facile
    Loro amano vivere in quel modo

    Detto questo, io e il resto del popolo italiano, non intende pagare per gente che non ama lavorare, ruba, non vuole integrarsi, ama la violenza e chi più ne ha più ne metta

  3. vivere da tantissimi anni in italia senza per questo rispettarne le leggi, anzi fottendosene, non da diritto ad alcunché.

    Questo é palesemente razzismo al contrario, fatto da chi, più che amministrare sa solo imporre.

  4. Cono d’accordo con entrambi, posso dire la mia senza ombra di dubbio poiché vivo in una cittadina con molti Rom di cui da oltre 50 anni che li conosco non si sono mai integrati anzi piano piano stanno facendo integrare noi alle loro regole, prendono i sussidi, poi ci saranno anche gli assistenti sociali che gli pagheranno anche il metano e luce io invece il metano lo accendo il minimo indispensabile e vado con il giubbotto dentro casa, poi ci sono le madame badesse che fanno la raccolta del cibo davanti ai supermercati per poi fare la distribuzione ai Rom e extracomunitari , vivono in case popolari ed anno appartamenti di loro proprietà, vanno in giro con macchine di 40/50 mila euro, spacciano, rubano, ricettazioni ecc. che ca22o glie ne fotte di integrarsi se fanno i pascià a spese di noi stupidi (solo io) Italiani onde evitare qualche tutore di parte che si possa offendere ho messo tra parentesi solo io di Italiano. L’ho fatta lunga ma questa è la realtà.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -