Usa, aumento dei dazi su auto elettriche e pannelli solari cinesi

auto elettriche

 L’amministrazione Usa ha annunciato un secco aumento dei dazi sui veicoli elettrici e sui pannelli solari cinesi per evitare l’”invasione” del mercato americano

I veicoli elettrici cinesi saranno soggetti a una tariffa del 100%, quattro volte l’attuale tasso del 25%, per compensare “le pratiche sleali e i sussidi della Cina e livellare il campo di gioco per le case automobilistiche e i lavoratori automobilistici statunitensi”, ha detto ai giornalisti Lael Brainard, consigliere economica nazionale di Biden, prima dell’annuncio, secondo quanto riporta il Nikkei.

“La Cina è semplicemente troppo grande per giocare secondo le proprie regole”, ha aggiunto Brainard. “La Cina sta utilizzando le stesse strategie di prima per alimentare la propria crescita a spese degli altri, continuando a investire, nonostante l’eccesso di capacità cinese, e inondando i mercati globali con esportazioni sottovalutate a causa di pratiche sleali”.

I dazi sulle importazioni di pannelli solari e semiconduttori dalla Cina raddoppierà fino al 50%, mentre l’aliquota su alcune importazioni di acciaio e alluminio aumenterà al 25%, più del triplo del livello attuale.
Gli aumenti entreranno in vigore quest’anno per i veicoli elettrici, l’acciaio, l’alluminio e le celle solari e l’anno prossimo per i chip.

Brainard ha affermato che le tariffe mirano a garantire che i nuovi posti di lavoro nel settore manifatturiero creati dalle misure legislative di Biden, come l’Inflation Reduction Act, il CHIPS and Science Act e la Bipartisan Infrastructure Law, non siano “sminuiti” da un’ondata di esportazioni cinesi, in aree come veicoli elettrici, batterie, apparecchiature mediche vitali, acciaio e alluminio, semiconduttori e energia solare.

Nessun grande produttore cinese, come BYD, NIO e Li Auto, vende modelli nel mercato americano. L’unico marchio di auto elettrica cinese disponibile negli Usa è Polestar, che è una joint venture tra la cinese Geely e la svedese Volvo. Questo marchio, però, da quest’anno comincerà a produrre negli Usa.

Ieri il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, ha criticato i dazi del governo americano e per aver “esagerato” la questione della sovracapacità produttiva cinese. “Tutto ciò è controproducente. Va contro il consenso raggiunto a San Francisco sulla risposta climatica congiunta e, cosa ancora più importante, danneggerà la transizione economica verde e l’azione per il clima a livello mondiale”, ha affermato Wang durante il consueto briefing quotidiano a Pechino. “Esortiamo gli Stati Uniti a smettere di riparare e scavare la strada allo stesso tempo, per così dire, e a creare condizioni favorevoli per la cooperazione climatica tra Cina e Stati Uniti e la transizione verde globale”.

Alcuni produttori cinesi di veicoli elettrici come NIO e Zeekr di Geely, quotati in borsa negli Stati Uniti la scorsa settimana, stanno tenendo d’occhio il mercato statunitense. BYD a febbraio ha dichiarato di voler aprire una fabbrica in Messico per servire i mercati locali. Ma il governo degli Stati Uniti ha fatto pressioni sul governo messicano affinché neghi gli incentivi ai produttori cinesi di veicoli elettrici, ha riferito Reuters in aprile. “Stiamo monitorando da vicino i tentativi delle aziende cinesi di evitare le nostre misure correttive commerciali al di fuori della Cina”, ha detto Brainard durante la conferenza stampa.  (askanews)

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K