Piano di Sorrento, donna uccisa a coltellate: fermato il suo ex. Lei lo aveva già denunciato

Anna Scala

Femminicidio a Piano di Sorrento, in provincia di Napoli, dove la 56enne Anna Scala è stata uccisa a coltellate. La donna, originaria di Vico Equense, è stata aggredita da un uomo vestito di nero mentre stava aprendo il portellone dell’auto. Dopo l’omicidio, il corpo è finito nel bagagliaio mentre l’assassino è stato visto fuggire in sella a un motorino. Poco dopo, l’uomo è stato rintracciato e fermato dai carabinieri. La donna aveva denunciato l’ex per stalking.

L’omicidio in una zona di case popolari

La donna stava prendendo la spesa dal bagagliaio dell’auto quando l’assassino si sarebbe avvicinato per colpirla più volte con un coltello. L’omicidio è avvenuto in una zona di case popolari, poco lontano dal centro della località. I carabinieri hanno rinvenuto l’arma del delitto, mentre il fermato è stato individuato in una zona impervia della città, vicino a dove aveva nascosto lo scooter con il quale si era allontanato dal luogo dell’omicidio.

Il cadavere nel bagagliaio

Il corpo della donna presentava alcune ferite d’arma da taglio sulla schiena ed era riverso dentro il bagagliaio. A segnalare l’omicidio una telefonata al 112 che indicava la presenza di un cadavere. A chiamare è stato un residente in zona.

La testimonianza

“Stavamo già in garage per controllare i lavori in corso nel palazzo quando abbiamo sentito delle urla strazianti, abbiamo pensato a un litigio, poi le urla sono diventate ancora più strazianti e a quel punto abbiamo deciso di andare a vedere. La scena di fronte alla quale ci siamo trovati era terribile”. E’ quanto racconta una condomina del complesso di palazzine di Piano di Sorrento dove è stato ritrovato il cadavere.

“Abbiamo fatto una corsa – prosegue la donna ricostruendo i momenti successivi -. Quando siamo arrivati abbiamo visto qualcosa di spaventoso. Questa donna accoltellata all’interno del cofano dell’auto. C’era una pantofola a terra, aveva il volto coperto forse nel tentativo di difesa, è stato terribile. Chi ci ha chiamato ci ha riferito di aver sentito delle urla ed entrando nel garage ha visto il cadavere ma non ha visto chi è stato… Invece una signora del palazzo di fronte ha visto un tale che usciva di corsa, vestito di nero, pantaloni e camicia nera a maniche lunghe, col cappellino da pescatore, un pugnale nella mano sporca di sangue che correva”.

“A quel punto – prosegue – il marito della condomina che si era affacciata ha preso la moto per inseguirlo ma ne ha perso le tracce. Continuando nella ricerca, però, ha trovato il cappellino a terra, nella zona di San Liborio. Cappellino che i carabinieri hanno recuperato. Nel frattempo abbiamo chiamato la polizia e l’ambulanza, pensavamo fosse ancora viva, ben presto abbiamo capito che non era così”.  tgcom24.mediaset.it

E’ stato fermato il presunto assassino di Anna Scala, la donna di 56 anni trovata morta in un bagagliaio di un’automobile a Piano di Sorrento. Si tratterebbe dell’ex della vittima, lo stesso ex che lei avrebbe denunciato per stalking appena due mesi fa.

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K