Omicidio Modena e minori non accompagnati, “è a rischio la sicurezza”

delinquenza minorile

(www.ilrestodelcarlino.it) – “Il mio cuore è ferito come padre e come sindaco. Non si può morire a 16 anni per una lite tra coetanei”. E’ una questione che a Gian Carlo Muzzarelli è sempre stata a cuore quella dei minori stranieri non accompagnati. Più volte ha lanciato il grido di allarme: “Modena è accogliente ma una città media non può sobbarcarsi una tale quantità di ragazzi. Non è possibile imparare da fonti terze – ha aggiunto – che oltre 200 migranti sono arrivati qui solo nel mese di marzo, direttamente e senza nemmeno il kit di sopravvivenza”.
Per questo, la sera stessa dell’omicidio al Novi Sad, Muzzarelli ha scritto alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni e al ministro dell’Interno Matteo Piantedosi:

Leggi anche
Modena, rissa tra pakistani: 16enne ucciso a coltellate

“Il trend di arrivi è in aumento e non è possibile dare risposta alle richieste di sistemazione che la Prefettura avanza alle Amministrazioni comunali. Questa situazione – ha aggiunto – si somma alla presenza di oltre 3mila ucraini sfuggiti dalla guerra. Vi esprimo con franchezza la mia grande preoccupazione in merito alla tenuta della sicurezza urbana e della coesione sociale di fronte a scelte non sostenibili per una città di medie dimensioni come Modena. Non sono accettabili sottovalutazioni o scaricabarili politici tra istituzioni. Chiediamo che il Governo sia promotore e garante di un vero sistema orizzontale di solidarietà e corresponsabilità da parte degli altri territori e delle città italiane”.

Inoltre, senza ulteriori risorse economiche e organizzative straordinarie messe a disposizione dal livello nazionale, ha poi sottolineato Muzzarelli, “risulta impossibile anche solo ipotizzare una strategia di accoglienza e inclusione sociale e lavorativa; l’unico percorso possibile per salvaguardare la legalità e per evitare che i migranti entrino in contatto con reti criminali o alimentino la marginalità sociale”.

Tra l’altro Modena è capofila di un progetto di integrazione dei minori stranieri non accompagnati: è stato attivato un percorso con la scuola edile che ha permesso ad alcuni di trovare un lavoro. Anche i parlamentari modenesi del Pd si appellano al ministro: “Se Piantedosi non affronta con urgenza queste criticità si rischia l’esplosione di conflitti sociali. Lointerrogheremo per chiedergli di riferire in Parlamento” scrivono Stefano Vaccari, Maria Cecilia Guerra ed Enza Rando.

SOSTIENI IMOLAOGGI
il sito di informazione libera diretto da Armando Manocchia

IBAN: IT59R0538721000000003468037 BIC BPMOIT22XXX
Postepay 5333 1711 3273 2534
Codice Fiscale: MNCRND56A30F717K