Gazprom: Ucraina s’impossessa del gas destinato alla Moldavia

Zelensky

(ANSA) – MILANO, 22 NOV – Gazprom minaccia di ridurre da lunedì i flussi di gas attraverso l’Ucraina, ultima rotta del gas russo verso l’Europa, in risposta al fatto che l’Ucraina tratterrebbe parte del metano destinato alla Moldavia.”Dalle 10 del 28 novembre Gazprom inizierà a ridurre la fornitura di gas al gis (stazione di compressione, ndr) di Sudzha per il transito attraverso l’Ucraina per un quantitativo pari a quello giornalmente non consegnato”, afferma Gazprom sul suo canale Telegram, accusando Kiev di essersi impossessata di 52,52 milioni di metri cubi di gas. Ogni giorno transitano attraverso l’Ucraina circa 42 milioni di metri cubi di gas russo.

(tgcom24.mediaset.it) – Nonostante il conflitto in atto, l’Ucraina continua ad esportare gas e petrolio russi verso l’Unione europea attraverso il suo territorio e intende chiedere a Mosca un nuovo aumento dei diritti di transito riguardanti l’oleodotto Druzhba, già incrementati del 34% nel 2022. Per il 2023, infatti, Kiev chiede alla Russia un altro ritocco del 18%, per portare il prezzo a 13,6 euro per tonnellata di greggio. E’ quanto scrive il quotidiano del mondo imprenditoriale russo Kommersant, citando la compagnia russa Transneft che conferma notizie diffuse da Bloomberg. La compagnia ucraina Ukrtransnafta, che ha avanzato la richiesta, “spiega l’aumento dei costi con le intense operazioni militari e i danni alle infrastrutture energetiche”, sottolinea Kommersant.

 

Articoli recenti