Vertice dell’Organizzazione degli Stati turchi a Samarcanda

Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev
Foto: Il Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev. Foto dal sito: www.president.uz

(www.planet360.info) – Il tema del vertice è “Nuova era della civiltà turca: sulla via del progresso e della prosperità comuni”. Aprendo la riunione del Consiglio dei Capi di Stato, il Presidente dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev ha salutato gli ospiti. Nel suo discorso, ha parlato dei compiti dell’Organizzazione degli Stati turchi e delle prospettive di espansione della cooperazione. NOTA BENE: Il termine “Stati turchi” si riferisce a tutti i Paesi lungo la Via della Seta la cui cultura e lingua hanno le proprie radici nella cultura turca.

Riferimento: L’Organizzazione degli Stati turchi (precedentemente chiamata Consiglio turco) unisce cinque stati di lingua turca (Uzbekistan, Azerbaigian, Turchia, Kirghizistan, Kazakistan), Ungheria e Turkmenistan sono inclusi come osservatori.

Vertice dell’Organizzazione degli Stati turchi a Samarcanda

Discorso del Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev alla riunione del Consiglio dei Capi di Stato dell’Organizzazione degli Stati turchi

Illustri capi di stato e di governo!

Cari amici!

Sono molto lieto di vederti nella grande città di Samarcanda, uno dei centri della civiltà mondiale, situata all’incrocio della Grande Via della Seta.

Vorrei esprimere la mia speciale gratitudine a tutti voi per aver partecipato al Vertice della nuova Organizzazione degli Stati turchi.

Benvenuti nella terra dell’Uzbekistan, cari amici!

Cari partecipanti al vertice!

In primo luogo, desidero esprimervi la mia sincera gratitudine per aver sostenuto l’iniziativa di dichiarare la città di Samarcanda, che è simbolo di amicizia e di pace, un centro di scienza e di educazione per i popoli del mondo, come « Capitale della civiltà turca».

È noto che l’antica terra turca collega l’Oriente e l’Occidente da migliaia di anni, avvicinando le civiltà del mondo e arricchendo varie culture.

Siamo giustamente orgogliosi che le pagine luminose del grande passato del mondo turco siano state create insieme dai nostri grandi antenati.

È il compito più importante per tutti noi preservare un patrimonio così inestimabile, studiarlo a fondo e tramandarlo alle generazioni future.

Un’altra importanza del nostro vertice di oggi è che per la prima volta nella nostra storia plurimillenaria la nostra famiglia turca si riunisce in un formato così completo, come parte della nostra rinnovata organizzazione.

Indubbiamente, all’insegna del motto «Una nuova era della civiltà turca: verso il progresso e la prosperità comuni» entriamo in una fase completamente nuova di crescita comune.

Illustri capi delegazione!

Oggi tutti noi stiamo attraversando le difficili prove legate alle acute contraddizioni geopolitiche, alla crisi economica globale e alle conseguenze negative del cambiamento climatico.

Pertanto, nell’attuale situazione pericolosa, è essenziale che i nostri paesi individuino approcci comuni e coordinino gli sforzi per affrontare i problemi più urgenti.

Siamo in grado di superare qualsiasi difficoltà attraverso l’amicizia, la cooperazione e il sostegno reciproco.

Vorrei sottolineare che durante la presidenza di Türkiye presso la nostra Organizzazione lo scorso anno, è stato svolto molto lavoro in varie direzioni e la nostra cooperazione reciproca è diventata più attiva.

Durante la presidenza dell’Uzbekistan, intendiamo anche:

attuare efficacemente il concetto di «Visione mondiale turca – 2040» e la «Strategia quinquennale dell’organizzazione degli stati turchi» che viene adottata oggi, per rafforzare ulteriormente l’autorità della nostra Organizzazione, che comprende una vasta regione con più di 170 milioni di persone e, soprattutto, portare a un livello più alto la cooperazione tra i nostri popoli fraterni e paesi con una storia, una lingua e una cultura comuni.

Cari colleghi!

Mentre ci preparavamo al Summit, abbiamo analizzato a fondo le attività della nostra Organizzazione.

Va riconosciuto che è stato compiuto un lavoro significativo per sviluppare le relazioni multilaterali tra i nostri paesi.

Nel frattempo, è anche molto vero che il nostro grande potenziale e le nostre vaste opportunità non vengono sfruttate appieno.

I. Innanzitutto è necessario rafforzare il pilastro commerciale ed economico della nostra cooperazione.

Il commercio reciproco tra i nostri paesi costituisce solo il 4% del commercio estero totale. E il resto corrisponde alla quota dei paesi terzi. Di certo nessuno di noi è soddisfatto di questa situazione.

Inoltre, alcune tariffe doganali di importazione tra i nostri paesi rimangono elevate.

Al fine di cambiare radicalmente la situazione in questa direzione strategica, per garantire la libera circolazione del commercio, degli investimenti e dei servizi, abbiamo proposto l’iniziativa sulla creazione di uno «spazio di nuove opportunità economiche» all’interno della nostra Organizzazione.

Per attuare questo piano, propongo di organizzare un Forum economico internazionale turco che coinvolga gli stati membri e osservatori della nostra Organizzazione, nonché i principali rappresentanti delle imprese mondiali.

L’organizzazione di eventi congiunti S2B, incontri d’affari e «tavole rotonde», presentazioni di progetti innovativi e mostre nell’ambito del Forum darà grandi risultati pratici.

Come risultato di questi eventi, sarà importante adottare le «Road Maps» annuali incentrate sull’attuazione di programmi e progetti comuni.

Il nostro lavoro si concentrerà principalmente sul potenziamento del commercio reciproco e dell’ingresso congiunto nei mercati di paesi terzi, creando catene del valore continue, cluster high-tech e società di rischio.

Sosteniamo inoltre pienamente la creazione di un fondo di investimento congiunto.

II. Un’altra questione urgente di importanza strategica all’ordine del giorno è il rafforzamento della connettività dei trasporti.

Per esempio, stiamo parlando molto del corridoio internazionale transcaspico, ma dobbiamo fare molto per ottenere risultati tangibili.

Ad esempio: l’Uzbekistan trasporta solo il 10% delle sue merci del commercio estero attraverso questo corridoio di trasporto.

Per sfruttare appieno il nostro potenziale di trasporto e transito, dobbiamo trovare le risposte alle seguenti domande:

– Cosa dobbiamo fare in questa direzione?

– Quali misure aggiuntive dovrebbero essere adottate? E quando e da chi dovrebbero essere presi?

A questo proposito, sulla base del Programma adottato oggi, suggeriamo ai nostri ministri dei Trasporti di elaborare un piano chiaro e meccanismi efficaci per la cooperazione congiunta entro la fine dell’anno.

Dovremmo concentrarci su:

– aumentare la competitività dei corridoi di transito nella nostra regione;

– introdurre le tariffe più vantaggiose per le imprese;

– creare una moderna infrastruttura di trasporto.

A questo proposito, chiediamo agli Stati della nostra Organizzazione di aderire al sistema di scambio elettronico dei permessi di trasporto recentemente introdotto tra il Türkiye e l’Uzbekistan.

III. Il primo forum agricolo turco tenutosi quest’anno a Tashkent ha chiaramente dimostrato che abbiamo un grande potenziale nel garantire la sicurezza alimentare.

Abbiamo un potenziale per rifornire con i prodotti agricoli e alimentari non solo i nostri paesi, ma anche i mercati esteri.

Insieme, dovremmo rafforzare i nostri passi pratici in questa direzione e approfondire la nostra cooperazione basata su progetti specifici.

In particolare, propongo quanto segue:

1) In primo luogo, è giunto il momento di adottare un accordo multilaterale all’interno della nostra Organizzazione per creare un sistema efficace di approvvigionamento alimentare basato sulle esigenze dei mercati globali e nazionali e sulle capacità di produzione dei nostri paesi.

2) In secondo luogo, è importante stabilire una partnership globale tra l’Organizzazione degli Stati turchi e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura per accelerare l’innovazione, la conoscenza moderna e la tecnologia avanzata nel settore.

3) Terzo, sulla base dell’esperienza positiva di tenere regolarmente il Forum agricolo turco e di organizzare una mostra agricola internazionale SMART alla sua seconda conferenza.

Cari partecipanti al vertice!

IV. Come proposto dall’Uzbekistan, l’anno 2022 è stato dichiarato «Anno del sostegno alle iniziative giovanili» nell’ambito dell’Organizzazione degli Stati turchi.

Come parte di questo, la città di Bukhara ha ricevuto lo status di capitale giovanile del mondo turco.

Intendiamo continuare costantemente il buon lavoro che abbiamo iniziato per incoraggiare le giovani generazioni, a realizzare i loro talenti e capacità.

Propongo di tenere il prossimo anno il congresso internazionale di scienza e innovazione dei giovani del mondo turco nel nostro paese.

All’interno della sua struttura abbiamo in programma di organizzare le riunioni estese dei ministri dell’innovazione e dell’istruzione, rettori delle università e giovani leader, giovani di talento, anziani della nostra Organizzazione.

Per dare un tono sistematico al nostro lavoro e garantirne l’efficacia, sarebbe opportuno introdurre la posizione del Vice Segretario Generale dell’Organizzazione per gli Affari Giovanili.

V. Un’altra direzione prioritaria è garantire una solida sicurezza nella nostra regione.

I conflitti in varie parti del mondo stanno minando anche la sicurezza del mondo turco.

In una situazione così complessa, le nostre forze dell’ordine e i servizi di sicurezza dovrebbero essere in costante contatto e rafforzare la cooperazione nei settori della lotta al terrorismo, dell’estremismo, della radicalizzazione dei giovani, del traffico di esseri umani e di droga, garantendo la sicurezza pubblica e informatica.

Insieme a questo, esprimiamo la nostra disponibilità ad organizzare la prossima Riunione dei Segretari del Consiglio di Sicurezza degli Stati della nostra Organizzazione in Uzbekistan.

VI. Vorrei attirare la vostra attenzione su un’altra questione urgente.

Oggi, la complessa situazione nel vicino Afghanistan è certamente fonte di grande preoccupazione per tutti noi.

Non dobbiamo mai dimenticare di portare la situazione in questo paese in una direzione positiva.

Incoraggiamo i dialoghi regolari tra i nostri ministri degli Esteri per sviluppare un approccio comune alla questione afgana.

Cari amici!

VII. Sono lieto di annunciare oggi che l’Uzbekistan è diventato un membro a pieno titolo dell’organizzazione internazionale della cultura turca.

Appoggiamo pienamente la proposta di organizzare il prossimo anno il festival della cultura del popolo turco nell’ambito delle celebrazioni dell’Organizzazione per il suo 30° anniversario.

Abbiamo recentemente pubblicato una serie di libri in 100 volumi «Capolavori della letteratura turca» in lingua uzbeka, composta da una raccolta di letteratura degli stati membri e osservatori della nostra Organizzazione.

Se pubblichiamo questo inestimabile tesoro spirituale nelle lingue di tutti gli Stati membri e osservatori, creerà una solida base per rafforzare i legami dei nostri paesi fratelli, specialmente le nostre giovani generazioni.

Nell’ambito del nostro incontro, tutti noi siamo estremamente felici che per la prima volta sarà assegnato il premio internazionale di Alisher Navoi, il grande poeta, pensatore e statista che ha dato un contributo incomparabile al rafforzamento dell’unità del mondo turco.

Crediamo che sosterrete la nostra proposta di presentare questo premio ogni anno.

Illustri capi delegazione!

I nostri compiti più urgenti sono portare l’attività dell’Organizzazione degli Stati turchi a un nuovo livello di qualità, aumentare la sua autorità, sfruttare appieno il potenziale della nostra cooperazione e garantire l’attuazione delle nostre decisioni e accordi.

Molte strutture e vari meccanismi sono stati istituiti nell’ambito della nostra Organizzazione, si stanno svolgendo molti incontri a livello ministeriale e altri eventi.

Tuttavia, dobbiamo ammettere apertamente che abbiamo ancora molto lavoro da fare in termini di coordinamento sistematico ed efficacia.

Penso che dobbiamo unire i nostri sforzi comuni affinché la nostra Organizzazione possa lavorare in futuro sulla base di un sistema completamente nuovo ed efficace.

A tal fine, proponiamo le seguenti riforme istituzionali nell’organizzazione:

– in primo luogo, propongo di creare commissioni separate a livello ministeriale sui nostri settori prioritari: politica e sicurezza, commercio e investimenti, trasporti, agricoltura, energia, informatica, turismo, innovazione e istruzione, medicina, gioventù e altri settori.
Il coinvolgimento attivo di esperti e scienziati, rappresentanti del settore pubblico e privato nelle loro attività avrà senza dubbio un grande effetto.

– Inoltre, il tempo richiede un drammatico aumento del ruolo e dell’influenza del Segretariato della nostra Organizzazione.
Dovrebbe organizzare efficacemente il lavoro in tutte le direzioni, diventare un potere influente della nostra fruttuosa cooperazione multilaterale.
Sulla base di quanto sopra, credo che approveremo la nuova struttura del Segretariato al nostro prossimo Vertice.

– Un’altra questione è legata al rafforzamento del rigoroso sistema di monitoraggio dell’attuazione di tutte le decisioni e documenti adottati dai Capi di Stato.
Credo che dovremmo coinvolgere il consiglio degli anziani della nostra Organizzazione in questo processo e utilizzare la loro ricca esperienza e capacità.

Cari amici!

Il nostro mondo turco ha una grande storia invidiabile, grandi antenati e una ricchezza incomparabile.

E credo che il mondo turco abbia un grande futuro.

Senza dubbio, creeremo questo futuro insieme al nostro popolo laborioso, magnanimo e nobile.

Il nostro vertice nell’antica città di Samarcanda inaugurerà una nuova fase di crescita nella storia moderna della civiltà del mondo turco.

Oggi sarà adottata la Dichiarazione di Samarcanda, che esprime un’idea così nobile.

Vorrei ringraziarvi per il vostro sostegno alla nostra proposta di dichiarare il 2023 come l’anno dell’ascesa della civiltà turca all’interno della nostra organizzazione.

Cari colleghi!

Cogliendo questa opportunità, a nome di tutti i miei colleghi desidero augurare al Presidente del Kazakistan lo stimato Kassym-Jomart Kemelevich Tokayev e al popolo amichevole del Kazakistan che si terrà con successo l’importante evento politico: le imminenti elezioni presidenziali.

Crediamo che i saggi del Kazakistan voteranno per la pace e il progresso del loro Paese, continuità delle importanti riforme in corso.

In conclusione, vorrei rendere un omaggio speciale al Sig. Baghdad Amreyev, che sta completando il suo servizio di Segretario Generale della nostra Organizzazione.

Ti auguro successo e buona fortuna per i tuoi sforzi futuri.

Mi congratulo inoltre calorosamente con il neo-nominato Segretario generale, il sig. Kuvanichbek Omuraliev, che è un diplomatico esperto.

Ti auguro un grande successo nel tuo lavoro responsabile.

Grazie per l’attenzione!

 

Articoli recenti