“Democratici partito dell’odio”, Elon Musk accusato di molestie

Elon Musk

Soltanto ieri Elon Musk, il patron di Tesla e SpaceX aveva annunciato sui social: “In passato ho votato per i Democratici perché erano (per lo più) il partito della gentilezza, ma sono diventati il partito della divisione e dell’odio, quindi io non posso più supportarli e voterò per i Repubblicani”. Poi aveva aggiunto: “E ora, guardiamo iniziare la loro campagna di sporchi trucchi contro di me”.

Elon Musk accusato di molestie

Puntualmente oggi arrivano accuse di molestie per Elon Musk, al centro di una trattativa per l’acquisto di Twitter. Secondo quanto riporta Business Insider una ex assistente di volo che lavorava per la flotta di aerei privati di SpaceX avrebbe accusato il fondatore di Tesla di averle mostrato il suo pene, di averla toccata senza consenso e di averle offerto in regalo un cavallo in cambio di un massaggio erotico. SpaceX, racconta ancora il media, avrebbe poi patteggiato con la donna il pagamento di 250.000 dollari nel 2018 per il suo silenzio.

Elon Musk ha però negato: “Se fossi incline alle molestie, questa difficilmente sarebbe la prima volta nella mia carriera che emergerebbe”, ha affermato Musk con Business insider definendo l’articolo “politicamente motivato”.  https://tg24.sky.it

Condividi

 

bresup

Articoli recenti