Garantire sicurezza alimentare interna, India vieta esportazione del grano

India vieta esportazione del grano

L’India ha improvvisamente vietato l’esportazione del grano a causa dei timori di scarsità, nonostante le precedenti promesse di aumentarle e contribuire a sfamare il resto del mondo .

L’Ucraina è un importante esportatore di cereali come il grano, ma la sua capacità di ottenere raccolti fuori dal paese è stata colpita dall’invasione russa. L’India, uno degli altri grandi fornitori del mondo, era intervenuta, dicendo che quest’anno puntava alle esportazioni di grano da record. Ma ora ha improvvisamente invertito la rotta, dicendo che deve prima garantire la propria sicurezza alimentare.

Gli esperti affermano che l’inflazione che fa salire i prezzi interni, insieme a un’improvvisa ondata di caldo che ha suscitato i timori di un piccolo raccolto, sono alla base della mossa.

Ciò potrebbe rappresentare un grave problema per il resto del mondo. Tra loro, India e Ucraina sono dietro a circa un terzo delle vendite annuali globali di grano.

Lo stop all’esportazione del grano segna una brusca svolta rispetto a orientamenti anche molto recenti. Ancora a metà febbraio, il Ministero all’Agricoltura aveva previsto che il raccolto della stagione avrebbe toccato il record di 111,3 milioni di tonnellate e che le esportazioni sarebbero decollate. Il Ministro al Commercio e Industria Piyush Goyal, il 15 aprile, in un tweet, aveva scritto: “gli agricoltori indiani hanno messo da parte un eccesso di riserve e sono pronti a sfamare il mondo”.  www.agenpress.it

Condividi