Mosca: «Gli USA conducevano esperimenti biologici su pazienti psichiatrici in Ucraina»

esperimenti biologici

Il ministero della Difesa russo ha detto di avere le prove che il Pentagono ha partecipato ad «esperimenti biologici su pazienti di ospedali psichiatrici vicino a Kharkiv», in Ucraina. Lo riferisce l’agenzia Tass. Negli esperimenti, aggiunge il ministero, sono coinvolti anche Germania e Polonia e le compagnie Pfizer, Moderna e Merck. Lo scrive https://www.cdt.ch

«Abbiamo ottenuto prove – ha detto Igor Kirillov, capo della forza russa di protezione nucleare, chimica e biologica – su esperimenti disumani del Pentagono condotti su cittadini ucraini dell’ospedale psichiatrico N. 1 nel villaggio di Strelechye, nella regione di Kharkiv. Il gruppo principale di pazienti era formato da uomini di età compresa tra i 40 e i 60 anni».

Secondo il ministero della Difesa, è stata l’invasione russa dell’Ucraina a mettere fine agli esperimenti e gli USA hanno cercato di distruggere le prove.

Leggi anche
Armi biologiche, Mosca accusa anche Pfizer e Moderna

«L’Ucraina – afferma ancora Kirillov – è un campo di prova per la sperimentazione di nuovi farmaci da parte degli USA e altri Paesi occidentali». Kirillov ha detto in particolare che «gli USA e le autorità di Kiev hanno usato Mariupol come centro per la raccolta e identificazione dell’agente patogeno del colera, di cui alcuni campioni sono stati inviati al Centro di salute pubblica di Kiev, incaricato di spedire i biomateriali negli Stati Uniti».

Esperimenti biologici, documenti distrutti

Il ministero della Difesa ha affermato che le truppe russe entrate a Mariupol hanno trovato «prove della distruzione d’urgenza di documenti che confermavano la collaborazione con i militari americani».

Kirillov aggiunge che tra il 2016 e il 2019 epidemiologhi delle forze armate tedesche «hanno raccolto 3’500 campioni di sangue in 25 regioni ucraine». «Il coinvolgimento di istituzioni controllate dalle forze armate conferma l’orientamento militare delle ricerche biologiche condotte nei laboratori ucraini e solleva domande su quale sia l’obiettivo delle forze armate tedesche», conclude il responsabile russo.

Condividi