Luxuria: la ‘gestazione per altri’ non è utero in affitto

gravidanza solidale

”La Lega ha presentato una proposta di legge contro la maternità surrogata? Sono contraria perché mette sullo stesso piano l’’utero in affitto’ alla ‘gestazione per altri’. Bisognerebbe fare una distinzione tra lo sfruttamento della povertà femminile e la ‘gestazione per altri’ che invece è un atto di generosità”. Così Vladimir Luxuria all’Adnkronos sulla proposta di legge presentata dalla Lega contro l’’utero in affitto’.

La gestazione per altri venga legalizzata

”Io proporrei esattamente il contrario – sottolinea – e cioè che la ‘gestazione per altri’ venga legalizzata in Italia. Se una donna che ha avuto, ad esempio, l’asportazione dell’utero non può avere figli e c’è la sorella che si propone di poter soddisfare questo desiderio per la sorella, credo che si debba poter fare perché si tratta di un gesto di amore. Stessa cosa per una coppia omosessuale”.

”Sono invece contraria all’’utero in affitto’ – tiene a precisare Luxuria – inteso come sfruttamento della donna in condizioni di povertà e che quindi costringe la donna a farlo per motivi economici. Le coppie omosessuali adesso vanno in Canada dove è vietata qualsiasi transazione economica. La ‘gestazione per altri’ – spiega – viene fatta per motivi di generosità e umanitari cioè una donna offre la possibilità a coppie che possono essere eterosessuali o omosessuali di poter portare in grembo la loro creatura. In Canada – spiega – esiste un protocollo molto rigido sulla ‘gestazione per altri’.

Le donne devono essere madri consapevoli e devono avere una indipendenza economica. L’ovulo fecondato viene preso da un’altra donna quindi tutto viene fatto con regole ben precise. Questa norma la vedo di possibile applicazione nel nostro paese”, conclude Luxuria. (Adnkronos – di Alisa Toaff)

Condividi

 

bresup

Articoli recenti