Spotify, Harry e Meghan contro la “disinformazione sui vaccini”

Harry e Meghan

ROMA, 30 GEN – Dopo Neil Young e Joni Mitchell che hanno chiesto a Spotify di scegliere tra la loro musica e i podcast di un comico no-vax, contro la piattaforma scendono in campo anche il principe Harry e Meghan Markle. La coppia, che con Spotify ha firmato un contratto da 1,8 milioni di sterline, ha espresso “preoccupazione” in un comunicato per i controversi interventi di Joe Rogan sottolineando che è dallo scorso aprile, quando hanno lanciato la fondazione Archewell contro la disinformazione, che stanno combattendo questa battaglia.

“Centinaia di milioni di persone possono essere danneggiate dalla cattiva informazione ogni giorno”, si legge nel comunicato. “Lo scorso aprile abbiamo iniziato a esprimere preoccupazione ai nostri partner di Spotify per le conseguenze fin troppo reali della disinformazione sul Covid sulla piattaforma”, sottolineano il principe e la moglie.

“Contiamo su Spotify per apportare delle modifiche e continueremo a lavorare insieme se lo farà”, si legge ancora. Rogan è stato pesantemente criticato per le sue opinioni sul vaccino contro il Covid, con molti che hanno affermato che sta sfruttando il suo popolare podcast, intitolato ‘The Joe Rogan Experience’, per diffondere fake news. (ANSA).

Condividi