Bimba precipita dal terzo piano e muore, fermato il compagno della madre

Bimba precipita dal terzo piano

C’è un fermo per la morte della bimba di tre anni, precipitata dal balcone di una palazzina a Torino. Si tratta del compagno della madre, che è accusato di omicidio. La piccola aveva riportato gravissimi traumi ed era stata sottoposta nella notte a un delicato intervento, ma non ce l’ha fatta. Non è chiaro se al momento dell’incidente in casa ci fosse anche la madre o solo il compagno della donna.

Fatima, questo il nome della bambina, viveva con la madre, italiana di 41 anni, nel palazzo di via Milano, a pochi passi dal mercato di Porta Palazzo. Il compagno della donna, Azar Mohssine, 32 anni, che non è il padre della piccola, vive nell’appartamento accanto. Cadendo, la bambina aveva riportato un gravissimo trauma cranico, un trauma toracico e lesioni ossee multiple.

Il fermato in lacrime: “Non sono stato attento” – “Mi sento in colpa per quanto è successo: non sono stato attento”. Mohssine ha parlato così, in lacrime, ai pubblici ministeri. “Per me quella bambina era come una figlia. Le volevo tanto bene e anche lei ne voleva a me”. Il 32enne, assistito dall’avvocato Alessandro Sena, ha detto di avere scoperto che la bimba era morta quando è stato portato in procura. Ha anche spiegato che ieri sera non aveva bevuto più di tanto e che ha “perso la lucidità” quando si è reso conto che la piccola era caduta.

Giovedì mattina l’uomo era stato condannato a otto mesi al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato per il possesso, da lui negato, di una cinquantina di grammi di hashish.  tgcom24.mediaset.it

Condividi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *