Covid, policlinico Foggia: maggior parte dei ricoverati è vaccinata con doppia dose

ospedale

Sono 50 i pazienti Covid ricoverati ad oggi, 30 dicembre, al Policlinico Riuniti di Foggia. Di questi, secondo i dati diffusi dal bollettino ospedaliero, 31 sono ricoverati nel reparto di Malattie infettive e 11 in Pneumologia. Nel reparto di rianimazione sono attualmente presenti 4 pazienti, mentre 3 sono quelli presenti nel reparto Malattie infettive ad indirizzo chirurgico e uno in quello ad indirizzo ostetrico-ginecologico.

L’età media dei ricoverati è di 67 anni, per la maggior parte uomini (66%). Dei pazienti ricoverati in Malattie infettive 16 sono vaccinati con doppia dose, 3 con una sola dose e 12 sono privi di copertura. Dei degenti del reparto di Pneumologia, 6 risultano no-vax, gli altri 5 sono vaccinato con doppia dose. Un paziente no-vax è in rianimazione (gli altri tre sono vaccinati e sono ricoverati per comorbilità pregresse). Vaccinati, con una o due dosi, i pazienti ricoverati nei reparti ad indirizzo ostetrico e chirurgico.

La maggior parte dei ricoverati è vaccinata con doppia dose

Nel complesso, i degenti no-vax sono 19, quelli vaccinati con doppia dose sono 27 e quelli con una sola dose 4.

“Inoltre, c’è da considerare che ad oggi, dei 4 pazienti ricoverati in Rianimazione, 1 non è vaccinato e 3 risultano vaccinati con doppia dose con necessità di ricovero in reparto intensivo per comorbilità pregresse. Pertanto, considerando i motivi di ricovero di questi ultimi, non ascrivibili a sintomatologia da Covid, si evince che il 100% dei ricoverati in Terapia Intensiva con sintomi riferibili al Covid risulta non vaccinato”, puntualizzano dal Riuniti.

Inoltre, “i 24 pazienti vaccinati ricoverati presso reparti a bassa-media intensità di cura (Malattie Infettive, Pneumologia e Malattie Infettive ad indirizzo chirurgico) vanno rapportati all’83% della popolazione regionale vaccinabile che ha completato il ciclo vaccinale e, dunque, i restanti 22 pazienti ricoverati (non vaccinati e I dose) vanno considerati in relazione al 17% della popolazione che non ha completato il ciclo vaccinale e quindi non immunizzata”.  https://www.foggiatoday.it

Condividi