Vaccini, Zaia: “Non possiamo delegare l’informazione ai social”

zaia variante indiana

“Siamo preoccupati per le terze dosi dei vaccini” anti-covid “perché vorremmo fare di più: dobbiamo vaccinare i 30mila ospiti delle Rsa, e il personale sanitario, stiamo anche aspettando il pronunciamento per la terza dose per gli under 60”. Lo ha sottolineato il presidente del Veneto, Luca Zaia nel corso della presentazione della mostra “Andrà tutto bene” dei mille trecento disegni e 320 lettere mandate alla regione Veneto dai bambini durante la pandemia.

“Dall’inizio della pandemia abbiamo fatto oltre 500 punti stampa per parlare ai veneti e penso che sia stata fondamentale un’azione di accompagnamento, di informazione pulita e non drogata da ideologie, anche cruda alle volte. Per questo dico che a livello nazionale non si può abdicare al ruolo di fare una campagna di informazione, non dico di promozione, dei vaccini per spiegare cosa sono e come funzionano“, ha detto inoltre Zaia.

Leggi ancheCovid, segnalati più di 2 morti al giorno dopo il vaccino Chieste informazioni, i vertici Aifa non rispondono

Non possiamo delegare l’informazione ai social media, i risultati li abbiamo visti e se alcune sfide non vengono colte fino in fondo è per questo. Oggi è covid domani potrebbe essere altro”, ha concluso. ADNKRONOS

Vaccini a prezzi gonfiati: Big Pharma ha incassato 31 miliardi in più
Vaccini Covid, con i richiami Pfizer e Moderna incasseranno miliardi di dollari
Pfizer: trimestre boom, ricavi a 14,58 miliardi di dollari
Paragone sui vaccini: “Profitti allucinanti. Business da 160 miliardi”

Condividi