Strage in Norvegia, killer convertito all’Islam: “Segnalato per radicalizzazione”

Kongsberg Strage in Norvegia, killer convertito all'Islam

La polizia norvegese ha rivelato che il 37enne danese sospettato di aver ucciso con arco e frecce cinque persone a Kongsberg si era convertito all’Islam. La vicenda è avvenuta ieri nel comune di 28 mila abitanti situato nel sud est della Norvegia. Oltre alle cinque vittime altre due persone sono rimaste ferite. La polizia da ieri fa sapere di non escludere la pista terroristica.

L’uomo è un convertito all’Islam

Nel corso di una conferenza stampa, il comandante della polizia del distretto di polizia del sud-est, Ole B. Saeverud, ha affermato che l’uomo è un convertito all’Islam e che in precedenza erano giunte diverse segnalazioni di preoccupazione in merito a una sua possibile radicalizzazione. “Abbiamo dato seguito alle segnalazioni che sono arrivate e non abbiamo ricevuto segnalazioni nel 2021 in merito alla sua radicalizzazione. Si tratta di un convertito all’Islam”, ha affermato Saeverud.

L’uomo, come riferito in precedenza, è un 37enne di nazionalità danese, identificato dai media locali come Rainer Winklarson (ma la polizia non ha ancora confermato il nome) residente nella città teatro della strage a 68 km a Sud-Ovest della capitale Oslo. Armato di arco e frecce, il giovane ha preso di mira i passanti in diverse zone della cittadina uccidendo cinque persone e ferendone due. Non ci sono altre persone indagate, l’attentatore avrebbe agiro da solo: sul suo canale di Youtube aveva mostrato la sua abilità come arciere. www.today.it

Condividi