Vaccino covid, Figliuolo: “nessuno vuole obbligare, vaccinarsi è un dovere”

figiuolo tasso di vaccinazioni

“Siamo a 41 milioni di italiani vaccinati, siamo a circa il 76% di over 12. Aspettiamo l’ok del Cts per la terza dose a sanitari, over 80 e ospiti delle Rsa. A chi è diffidente sul vaccino, dico: informatevi, nessuno vuole obbligare”. Il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario all’emergenza, si esprime così durante la visita all’hub vaccinale di Villorba, in Veneto.

Nessuno vuole obbligare

“Abbiamo visto un incremento delle prenotazioni di vaccino, vedremo se questo trend si consolida. Mi sento di fare un appello a chi è un po’ diffidente e attende: informatevi, chiedete a medici e infermieri, a chi negli ospedali vede la sofferenza per il covid. Abbiamo avuto oltre 130mila morti per covid e ci sono persone che portano i segni del long covid, ho amici che fanno una rampa di scale e hanno il fiatone. Vi dico di informarvi e di fare una libera scelta, nessuno vuole obbligare”, aggiunge Figliuolo.

Nessuno vuole obbligare – VACCINARSI è UN DOVERE

“E’ bene che ognuno si informi. Vaccinarsi è un dovere civico e morale, come dice il presidente Mattarella. Dobbiamo mettere in salvo chi è attorno a noi, non si può essere egoisti. In questo, i nostri giovani ci hanno dato una grande lezione: nella fascia 20-29 anni in pochissimo tempo abbiamo avuto il maggior numero di adesioni, i giovani sono corsi in massa a vaccinarsi”, prosegue. “Oggi partono le terze dosi in tutta Italia, parliamo di dosi aggiuntive per i cosiddetti immunocompromessi, persone con un sistema immunitario compromesso”, evidenzia. ADNKRONOS

Condividi