Romania: chiusi 400 centri di vaccinazione anti-Covid

Romania: chiusi 400 centri di vaccinazione anti-Covid

di Octavian Coman – Quasi 400 centri di vaccinazione anti-Covid in Romania sono stati chiusi quest’estate perché non avevano attività da molto tempo. In alcune delle aree prive di centri, la vaccinazione è ora effettuata dai medici di famiglia.

“Dobbiamo anche perseguire la redditività del mantenimento di questi centri “, ha affermato il capo del DSP Brasov, Andrea Neculau per l’Europa libera, dopo che, all’inizio di questa settimana, il
municipio di Brasov ha annunciato di aver chiuso l’ultimo centro di vaccinazione dei quattro che aveva fissato in collaborazione con la Direzione Sanità Pubblica (DSP). L’attività nei centri è stata interrotta uno ad uno. I residenti della città potranno comunque richiedere le vaccinazioni presso i medici di famiglia o altri punti di vaccinazione aperti in ospedali e unità mediche private.

La sospensione dell’attività dei centri è iniziata il 1° luglio. Se in inverno-primavera, nella sola contea di Brașov c’erano 23 centri vaccinali, ora ne sono rimasti 12.

Il dottor Andrea Neculau aggiunge che, a causa della diminuzione dell’interesse per la vaccinazione, hanno organizzato eventi di maratona e squadre mobili si sono recate in tutte le località rurali della contea, nel tentativo di convincere la gente di Brasov a vaccinarsi.

Quello che è successo a Brasov è simbolico per l’intero Paese. Secondo i dati del Comitato nazionale per il coordinamento delle attività vaccinali (CNCAV), all’inizio di marzo in Romania operavano 435 centri, con 634 flussi. La maggior parte dei centri era dedicata all’inoculazione con sieri prodotti da Pfizer e Moderna. Il resto, con AstraZeneca.

Abbiamo scelto marzo per l’inizio del confronto perché, dal 15 marzo, le autorità hanno consentito di programmare la vaccinazione anti-COVID a tutti i rumeni di età superiore ai 16 anni, riservata fino ad allora solo ad alcune categorie. Il giorno dopo, il presidente del CNCAV, Valeriu Gheorghiță, ha annunciato che nel Paese erano già attivi 760 centri di vaccinazione e altri sarebbero stati aperti.

Il 6 aprile 2021 il numero dei centri è arrivato a 908 , quasi 150 in più rispetto a metà marzo. I flussi di tutte queste unità sono raddoppiati rispetto al mese precedente. Come hanno spiegato le autorità, il numero di unità variava leggermente nel corso di un mese, a seconda dei problemi sorti.

Nei primi giorni di maggio, il coordinatore della campagna nazionale di immunizzazione anti-COVID, Valeriu Gheorghiță, ha dichiarato di aver attivato 997 centri. All’inizio del primo mese estivo, l’inventario presentato ha delineato la stessa immagine, che diventa insignificante con pochi centri e flussi.

Tuttavia, Valeriu Gheorghiță ha sottolineato in una conferenza stampa che “il 45% di questi centri di vaccinazione ha un’attività media e bassa, nel senso che vaccinano al di sotto del 50% della capacità di flusso” . Ha quindi proposto una rivalutazione dell’attività, sia nel senso della riduzione del programma nei centri fissi e del distacco del personale in squadre mobili, sia nella sospensione dell’attività. Pochi giorni dopo, a metà giugno, il funzionario ha già annunciato la cessazione dell’attività in 11 posti e la riduzione del programma di attività in altri 127.

Chiudono i centri di vaccinazione

Nel corso del mese vengono rese pubbliche sempre più chiusure di centri. Così, il bilancio dal 1° luglio è sceso a 739 .

Sempre in quel periodo, il medico di famiglia Gindrovel Dumitra iniziò a notare una drastica diminuzione della presenza nel centro di vaccinazione da lui coordinato nel comune di Sadova, contea di Dolj. Nonostante sia uno dei medici più noti che promuovono i benefici della vaccinazione in generale, nel villaggio in cui lavora, ha concluso di aver raggiunto il limite di persone che possono essere persuase nel contesto attuale a farsi vaccinare con sieri anti-COVID. A maggio, più di mille persone sono passate per il centro dedicato a Sadova. L’estate è arrivata con il relax di tutti.

Secondo la sua opinione, “abbiamo raggiunto quel livello con le persone che vogliono vaccinarsi, ma hanno paura e rimandano molto l’azione”. Il medico di famiglia ritiene inoltre che la decisione di vaccinare nelle zone rurali sia influenzata dal minor numero di casi di malattia. Di conseguenza, la percezione del rischio è diversa da quella degli abitanti delle città.

Il 1° agosto il medico ha chiuso le porte del centro vaccinale di Sadova. “Terribile”, dice, sospirando per come si sentiva in quel momento. “Prima di chiudere il centro, ho provato a fare appello alle autorità locali, a fare appello a tutti i tipi di persone, diciamo, influenti che potevano aiutarmi in modo da aumentare l’interesse per la vaccinazione. Purtroppo è tutto quello che si può fare”.

A livello nazionale, secondo una risposta del CNCAV per Free Europe, il 18 agosto di questa settimana, sono stati contati 606 centri a livello nazionale . Anche i flussi sono scesi a 863. Rispetto al picco di fine maggio e inizio giugno, ci sono quasi 400 centri di vaccinazione in meno in tutto il paese.

Andrea Neculau, della direzione dell’istituto di sanità pubblica nella contea di Brașov, afferma che la campagna di immunizzazione ora richiede una comunicazione diretta.

“Stiamo affrontando persone esitanti, persone che hanno bisogno di molte più spiegazioni, persone che hanno bisogno di un approccio personalizzato. Ognuno ha le sue preoccupazioni. “Pertanto, i medici di famiglia – che possono essere vaccinati a maggio – possono contribuire a superare l’attuale situazione di stallo”, afferma il direttore del DSP Brasov.

Ammette che, anche in questi uffici, il ritmo è lento. Nella sua area di responsabilità ci sono medici che da maggio hanno vaccinato circa 200 persone, ma ce ne sono anche alcuni con 20-30 in lista. Preferisce però giudicare le cifre  settembre, dopo il periodo delle ferie.

Nel sud della Romania, a Sadova, Gindrovel Dumitra vaccina da maggio, parallelamente al centro da lui coordinato, nel suo studio di medico di famiglia. Descrive l’attività in ufficio come “salto”. Ha avuto giorni con 17-18 persone inoculate con sieri anti-COVID, altri giorni, senza nessuna persona.

“Dobbiamo lavorare sulla fiducia nel vaccino e non sul rimodellamento del sistema di vaccinazione”, afferma Gindrovel Dumitra. Lo specialista teme che il cambio di opzioni in merito alla vaccinazione arrivi troppo tardi, con la cosiddetta “quarta ondata” di aumento del numero di casi COVID.

Gindrovel Dumitra: ” Spero che la gente capisca di vaccinarsi in questo momento in cui non abbiamo raggiunto il livello massimo in termini di numero di malattie in Romania”. https://romania.europalibera.org

Condividi

 

One thought on “Romania: chiusi 400 centri di vaccinazione anti-Covid

Comments are closed.