Covid, Bassetti: “Obbligo di vaccino per gli over 40”

Bassetti: preoccupa la variante indiana

“Siamo arrivati a un punto in cui il passaggio ulteriore deve essere l’obbligo di vaccino per gli over 40”. Lo dice all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova. “Uno Stato serio deve farlo – afferma – perché deve domandarsi se noi, che abbiamo il servizio sanitario tra i migliori del mondo, possiamo permetterci dopo ottobre di tornare ad avere ancora le terapie intensive piene di non vaccinati che hanno deciso deliberatamente di non immunizzarsi spendendo per ognuno di questi 50-60mila euro di ricovero quando un vaccino costa 15 euro”.

“Uno degli argomenti dei no-vax – ricorda l’infettivologo del San Martino – è quello che con i vaccini stiamo arricchendo le Big-pharma ma non è assolutamente vero, perché le multinazionali del farmaco le arricchisce molto di più un ricovero in ospedale dato che sono quelle che producono i ventilatori polmonari, i cateteri venosi per la rianimazione, i farmaci, gli anestetici e tutto quello che serve per curare. Di quei 60mila euro del costo del ricovero – chiarisce Bassetti – ce ne sono almeno 15 mila che vanno alle grandi aziende farmaceutiche”.

Obbligo di vaccino per gli over 40 per non avere ricoveri in terapia intensiva

“E uno Stato che ha un Ssn come è il nostro, che giustamente non fa pagare niente a nessuno – osserva – deve pensare che non può permettersi di avere nuovamente migliaia di ricoveri in terapia intensiva come l’anno scorso. E se arriveremo a novembre-dicembre con tutta questa gente non vaccinata – ammonisce – non dico che avremo i numeri del 2020 ma avremo molta molta gente in rianimazione”.

Condividi

 

4 thoughts on “Covid, Bassetti: “Obbligo di vaccino per gli over 40”

  1. Vorrei fare presente che le EVENTUALI cure del Ssn sono legate alle tasse ,per tanto al mio nel mio caso non sono gratuite ma ampiamente prepagate.Inoltre non è detto che si finisca in Hospedale e che si vada ad arricchire le multinazionali del farmaco .Tutto dipende da sistema immunitario e stile di vita .Entrambi non sono per tutti uguali.E poi per evitare che si riempiano le terapie intensive basterebbe dar spazio alle cure domiciliari .Per quanto concerne l’obbligo vaccinale basterebbe imporlo con una legge del Parlamento, che rappresenta il popolo che è il solo titolare della sovranità
    In questo modo nessuno dovrebbe firmare un foglio chiamato consenso informato e lo Stato si assumerebbe le sue responsabilità

  2. Certi personaggi dovrebbero essere denunciati per procurato allarme e per dare certo consigli alle autorità costituite che si reggono su una Costituzione.
    La salute è di tutti, ma la sovranità del corpo è dell’individuo non certo dello Stato!

  3. Anche le terapie domiciliari costano poco ed evitano i ricoveri e le morti.
    Anche i medici che vanno a domicilio per visitare i pazienti sono già pagati dal SSN.
    Non esiste una sola teoria e neppure una sola pratica.
    Bassetti deve farsene una ragione.
    Esistono punti di vista diversi con la medesima dignità.
    Quanto all’inoculo propagandato e che lui vorrebbe imporre, esso rimane una pratica sperimentale.
    Se lo faccia lui e chi si fida di lui.

  4. caro Bassetti io ho quasi 80 anni e non intendo fare alcun vaccino proposto da voi psicopatici, e chiaro ??

Comments are closed.