YouTube rimuove i video di Bolsonaro

bolsonaro

di Guido da Landriano – YouTube ha rimosso i video che il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha pubblicato sul suo canale per aver violato le regole contro le false affermazioni sul COVID-19, o almeno quelle ritenute tali da Youtube.

La piattaforma di condivisione video online ha affermato che Bolsonaro ha violato le politiche aziendali relative alla disinformazione sul COVID-19 e alla promozione di cure non provate.

YouTube rimuove i video di Bolsonaro, le presunte motivazioni

Le nostre politiche non consentono contenuti che affermano che l’idrossiclorochina e/o l’ivermectina sono efficaci per trattare o prevenire COVID-19 e affermano che le maschere non funzionano per prevenire la diffusione del virus”, ha affermato YouTube, secondo The New York Volte. “Questo è in linea con la guida delle autorità sanitarie locali e globali e aggiorniamo le nostre politiche man mano che le linee guida cambiano“.

YouTube ha aggiunto di aver rimosso il post “dopo un’attenta revisione” e senza riguardo per la politica.

La cosa divertente è che di prove che possono essere alla base almeno della discussione dell’Idrossiclorochina e dell’ivermctina, che ne sono e, senza voler fare disinformazione, non si capisce perché non sia possibile parlare di questi fatti. Allo stesso tempo è scientificamente provato che le mascherine non diminuiscono in modo significativo la possibilità di ammalarsi, eppure non si può parlare neanche di queste ricerche, e neppure se sei un capo di stato.

Leggi anche
Covid, 8 semplici prove che lo scopo delle autorità sanitarie non è la salute

L’anno scorso, Facebook ha rimosso uno dei video di Bolsonaro per aver violato le politiche contro la disinformazione e Twitter gli ha chiesto di rimuovere lui stesso alcuni video. In Brasile, dopo un massimo di 3300 morti in Aprile, attualmente i decessi sono in calo, a circa 1176, nonostante sia un inverno particolarmente freddo con temperature che sono scese al di sotto dello zero in zone considerate tropicali.  scenarieconomici.it

Condividi