Attentato a Peter R. de Vries, giornalista investigativo olandese

Peter R. de Vries, giornalista investigativo olandese

Il giornalista e conduttore televisivo olandese Peter R. de Vries, specializzato in crimine organizzato, è stato gravemente ferito ieri verso le 19.30 nel centro di Amsterdam mentre usciva da uno studio televisivo. Secondo testimoni oculari uno sconosciuto ha sparato diversi colpi di pistola ferendolo alla testa. «Sta lottando fra la vita e la morte», ha detto sconvolto il sindaco Femke Halsema. Il 64enne è un personaggio noto nei Paesi Bassi e appare regolarmente come portavoce delle vittime o dei testimoni nei processi.  Indagava sulla mafia marocchina

L’aggressione a Peter R. de Vries ha scioccato il paese, i politici di diversi partiti e il sindacato dei giornalisti hanno reagito con orrore, mentre il primo ministro Mark Rutte ha parlato di «attacco al giornalismo libero». Dopo l’arresto di tre sospetti, compreso lo sparatore, la polizia confida di poter risolvere rapidamente il caso. Da Berlino, dov’è in visita di Stato, la coppia reale ha subito reagito via social: “I giornalisti devono poter fare il loro importante lavoro liberamente e senza minacce”, hanno scritto su Facebook il re Willem-Alexander e sua moglie Máxima.

Peter R. de Vries, bocche cucite

Per ora gli inquirenti non dicono nulla sui retroscena ed è stata istituita una commissione speciale. Il giornalista  è attualmente il confidente del testimone chiave in un importante processo contro il crimine organizzato. È anche conosciuto a livello internazionale per i suoi rapporti su crimini spettacolari.

Peter R. de Vries è il principale giornalista di cronaca nera dei Paesi Bassi ed è ospite regolare nei talk show televisivi. Era diventato famoso a livello internazionale nel 1987 con il suo bestseller sul rapimento del produttore di birra Freddy Heineken. Nel 2008 ha vinto un Emmy Award per il suo servizio sul caso di Natalee Holloway, un’americana scomparsa ad Aruba nel 2005 e presumibilmente uccisa da un olandese.  www.laregione.ch

Condividi