La Cina Estrae Più Bitcoin Che Altrove. Il Governo Vuole Che Finisca

La Cina ha esteso la sua severa repressione sull’utilizzo e il commercio di bitcoin all’industria che sovrintende all’estrazione di nuovi token di criptovaluta.

 I nuovi passi da Pechino sono stati svelati nella tarda serata di venerdì. Hanno ribaltato i mercati delle criptovalute durante il fine settimana e hanno spinto i minatori di criptovalute a sospendere alcune attività in Cina, creando incertezza su un passaggio fondamentale nel processo necessario per mettere in circolazione più di queste monete.

Perché La Cina Vuole Tagliare Il Mining Di Bitcoin?

 Il vice premier cinese Liu He ha detto venerdì a un gruppo di funzionari finanziari che il governo avrebbe “represso l’attività di mining e trading di bitcoin” come parte del suo obiettivo di raggiungere la stabilità finanziaria. Il governo non ha elaborato politiche specifiche mirate all’estrazione mineraria o al commercio.

 Mentre la Cina ha adottato misure per limitare l’uso delle criptovalute per anni, l’attenzione sul “mining” è nuova. La presenza di Liu e di altri membri del governo di alto rango alla riunione, insieme alle misure intraprese all’inizio della scorsa settimana per ampliare un giro di vite sulle criptovalute, indicano che il governo cinese sta diventando più aggressivo sul suo approccio.

 I principali minatori crittografici hanno notato HashCow – che possiede le più grandi miniere del mondo – ha detto sabato che smetterà di vendere macchine ai clienti in Cina e rimborserà chiunque abbia già pagato per una macchina ma non l’ha ricevuta. (Ha aggiunto, tuttavia, che manterrebbe le macchine di crypto mining esistenti.)

 “Sosterremo attivamente tutti i tipi di leggi e regolamenti nel paese per evitare rischi normativi”, ha affermato la società cinese. Anche se queste dichiarazioni della Cina non fermano la creazione di nuove criptovalute come la moneta Yuan del yuan pay group.

Dove Si Puo’ Fare Il Mining Di Bitcoin Se Non In Cina?

 Un’altra compagnia mineraria cinese, BIT.TOP, ha affermato che non offrirà più servizi di mining per i clienti nella Cina continentale.

 “Successivamente, estrarremo principalmente in Nord America”, ha scritto sabato Jiang Zhuoer, CEO di BIT.TOP, sul suo account Weibo. “Non vale la pena correre il rischio normativo”.

Tali decisioni potrebbero avere grandi conseguenze per le criptovalute. Ad esempio, il valore di bitcoin è in parte determinato dal numero finito – 21 milioni – di monete che possono essere create. Non tutte le monete sono in circolazione e i “minatori” di bitcoin usano i computer per risolvere enigmi complessi per creare un nuovo “blocco” sulla catena.

 I computer necessari per quel processo sono gestiti da aziende come HashCow e BIT.TOP. La Cina rappresenta oltre il 75% dell’estrazione di bitcoin in tutto il mondo, secondo una ricerca pubblicata dalla rivista Nature Communications il mese scorso.

 Nel suo post su Weibo, Jiang di BIT.TOP ha affermato che l’incontro di venerdì suggerisce che il governo sta cercando di impedire un massiccio flusso di capitali nel mining di criptovalute, ma le persone dovrebbero comunque essere autorizzate a estrarre da sole.

 Si aspettava che metà delle macchine minerarie del paese potessero essere sospese a seguito delle ultime azioni, perché la repressione si concentra sulle grandi aziende minerarie.

Le Conseguenze Delle Dichiarazioni Della Cina

 Bitcoin e azioni di società legate alle criptovalute sono state scosse dopo la mossa della Cina.

I prezzi dei bitcoin sono scesi fino al 13% domenica. La valuta è stata scambiata l’ultima volta a circa $ 36.000 per moneta, molto al di sotto del picco di $ 64.000 raggiunto un mese fa, secondo CoinDesk.

 Le azioni della società cinese di mining di criptovalute BIT Mining sono crollate del 23% a New York venerdì. E Huobi Technology, uno scambio di criptovalute, è crollato del 22% lunedì a Hong Kong. Huobi, che fornisce l’hosting dei minatori e altri prodotti legati alle criptovalute, ha detto lunedì che sospenderà i servizi relativi al mining per i nuovi utenti nella Cina continentale “per concentrarsi maggiormente sull’espansione della nostra presenza all’estero”. Ha aggiunto che la maggior parte degli utenti non sarebbe stata influenzata dal cambiamento.

 “Huobi si impegna sempre a rispettare le politiche e le normative in evoluzione di ciascuna giurisdizione per aderire al rischio e preservare il benessere dei nostri utenti e delle loro risorse”, ha aggiunto la società.

 “La Cina ha mostrato ancora una volta chi era il pesce grosso, segnalando un giro di vite sui minatori di criptovalute”, ha scritto Jeffrey Halley, analista di mercato senior per l’Asia Pacifico a Oanda, in una nota di lunedì. Il rischio regolamentare “rappresenta ora una minaccia esistenziale per lo spazio delle valute virtuali”, ha aggiunto.

 La Cina ha a lungo limitato il commercio di criptovalute all’interno del paese, diffidente nei confronti dei rischi finanziari ad esso associati. La scorsa settimana, i supervisori finanziari e bancari hanno affermato che le istituzioni finanziarie e le società di pagamento non dovrebbero partecipare a transazioni relative alla criptovaluta, né dovrebbero fornire servizi relativi alla criptovaluta ai propri clienti.

 Le nuove misure non riguardano solo la riduzione del rischio finanziario. I computer necessari per l’estrazione di bitcoin consumano una tonnellata di potenza di calcolo ed elettricità, sollevando preoccupazioni sul costo per l’ambiente.

Condividi