Mister ‘Tachipirina e vigile attesa’: se una persona sta male va curata sempre

Mozione di sfiducia Speranza

“Il nostro Paese sta molto meglio, la strada è quella giusta, ieri sono state somministrate 560 mila vaccinazioni. Dobbiamo tenere alta l’attenzione, ma questo è il momento di programmare il futuro”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo nel Teatro Stabile di Potenza alla cerimonia di consegna delle onorificenze all’Ordine al merito della Repubblica italiana.

“Sono emozionato – ha aggiunto il ministro, che è nato a Potenza – a parlare in questo teatro, a 50 metri da casa mia”. “La pandemia ci ha insegnato che il servizio sanitario nazionale è la cosa più importante che abbiamo, non te ne rendi conto quando stai bene, ma quando sei toccato in modo collettivo o individuale ti rendi conto di come il ssn valga più di ogni cosa, è il cuore dell’articolo 32 della nostra Costituzione, poche parole che indicano la traiettoria essenziale”, ha detto il ministro della Salute .

tagli alla sanità

Covid, “quell’incredibile soppressione delle cure precoci”

Covid, le cure proibite

Covid, si torna a “tachipirina e vigile attesa”. Speranza nemico delle cure domiciliari

“Il diritto alla salute è un diritto fondamentale, se una persona sta male non devono contare soldi o luogo di nascita o colore pelle, se una persona sta male va curata sempre e comunque è un diritto da difendere con i denti”, ha aggiunto Speranza. “I nostri medici penso non abbiano voglia loro di farsi chiamare ‘eroi’, a queste persone penso che va riconosciuta la loro funzione fondamentale si prendono cura di noi, non c’è mestiere più bello, dobbiamo rispondere con atti concreti con investimenti e chiudendo la stagione dei tagli”, ha detto ancora Speranza.  www.rainews.it

Tachipirina e vigile attesa… della morte

Condividi