Prof. Sinagra: 9 domande a Mario Draghi

Mario Draghi pandemia

prof. Augusto Sinagra – Egregio Dottor Mario Draghi,
ho sciolto i miei dubbi: lei non è cretino. Nel bene o nel male (più nel secondo che nel primo) lei ha mostrato intelligenza e pertanto può ben fare il Presidente del Consiglio dei Ministri (ne abbiamo avuti di peggio).
Tuttavia, chiedo alcuni chiarimenti a proposito della dichiarata epidemia.

1. Che senso ha il c.d. coprifuoco dalle 22.00 alle 6.00 quando si sa che di notte gira pochissima gente e per il resto, come da lei disposto, è tutto chiuso? Ed inoltre si sa che la migliore profilassi contro il virus è stare all’aperto.
Forse gli scienziati hanno individuato e isolato virus diurni e virus notturni?

2. Che senso ha consentire viaggi in aereo dove, come si sa, si viaggia stipati (a parte lei che ha sempre viaggiato in prima classe) e tenere chiusi i ristoranti la sera e aperti di giorno ma solo all’aperto, quando in detti locali si potrebbero tenere distanze appropriate e predisporre misure di profilassi.

3. Che senso hanno tutte le misure anti covid quando sui mezzi di trasporto urbani e interurbani e specialmente sui treni regionali si viaggia in condizioni di affollamento da fare schifo?
4. Perché non chiarisce questa storia dei “vaccini” dicendo onestamente quali sono i possibili rischi avversi o i possibili decessi? E fino ad oggi come ha rilevato “Eudra Vigilance”, sono stati migliaia e migliaia.

5. Lei ha un CTS di personalità che si dicono “competenti”. Possibile che nessuno di questi “competenti” le ha detto che, come si insegna nelle aule universitarie e come si legge nelle più accreditate Riviste scientifiche di medicina, vaccinare in corso di epidemia è una follia che provoca facili mutazioni o varianti del virus? Qualcuno non le ha detto che i virus e le sue varianti arrivano sempre prima dei vaccini?

6. Mi spiega perché si deve ricorrere a c.d. “vaccini” pericolosi e di breve durata, quando la malattia, come ora appare, è ben curabile a casa e porta a guarigione?

7. Le è mai venuto in mente che forse occorrerebbe potenziare la medicina di base?

8. Qualcuno le ha detto che la Corte costituzionale già con la sentenza n. 307 del 1990, ammetteva la obbligatorietà del vaccino (si trattava di un vaccino vero: quello contro la poliomelite) ma a condizioni che il medico deve fornire un’ampia informativa sui benefici e sui rischi e lo Stato è tenuto al risarcimento degli eventi avversi fino alla morte?

9. Il famoso giuscostituzionalista Sergio Mattarella non le ha mai parlato della giurisprudenza della Corte costituzionale? Immagino di no dato che ha controfirmato il suo ultimo DL. Probabilmente non la conosce la giurisprudenza della Corte costituzionale della quale ha fatto parte.
Potrei continuare a lungo ma devo concludere nel senso che, essendo lei sicuramente intelligente, ben capirà che le misure sanitarie adottate non si rivolgono alla cura della pubblica salute, ma si rivolgono a quel che ha sconciamente detto il suo amico “Roberto” (mi riferisco all’affascinante e competente Roberto Speranza) e che cioè tali misure sono finalizzate a “imporre una cultura di sinistra”.

mario draghi britannia

So bene che a lei di cultura, di ideologie, di gestione della cosa pubblica per il bene della comunità, poco importa poiché lei si rivolge alla cura di interessi estranei e contrari all’interesse nazionale.
Capisco che lei questo non lo dirà mai (come mai parla dell’allegra scampagnata sul Panfilo reale “Britannia” con personaggi di caratura pari alla sua).
Sappia, tuttavia, che tutti hanno ben capito come stanno le cose: alcuni, e sono molti, protestano; altri ne approfittano per la loro personale e squallida convenienza.
Lei mi ricorda il Re nudo del famoso apologo di Hans Christian Andersen.

AUGUSTO SINAGRAProfessore ordinario di diritto delle Comunità europee presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Avvocato patrocinante davanti alle Magistrature Superiori, in ITALIA ed alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, a STRASBURGO

Condividi