Ok trivelle, Cingolani: la soluzione non è fermare tutto

cingolani emissioni co2

“Quelle trivelle erano già lì. C’erano delle autorizzazioni, le ho trovate, erano state completate, non posso fare una operazione scorretta, se l’atto amministrativo è finito sono obbligato a mandarlo avanti, ne abbiamo semplicemente preso atto. Non c’è nessuna trivella nuova. Non le ho autorizzate io”. Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, circa il via libera alle trivelle che ha scatenato diverse polemiche.

“Queste cose – ha spiegato Cingolani – non vanno affrontate in maniera ideologica: esiste un piano, il Pitesai, che deve stabilire dove queste cose si possono fare e dove no, anche di non poterle fare del tutto. Però serve un piano, che è una cosa molto complessa. Doveva essere fatto nel 2018. Io sono arrivato nel 2021 e la prima cosa che mi sono trovato ad affrontare è la questione trivelle. Ho scoperto che c’era una moratoria che chiudeva tutte le stazioni in attesa del Pitesai, ma il Pitesai non era stato fatto. Sono passati tre anni e il piano ancora non c’è, l’unica soluzione non può essere fermare tutto.”

“Io penso che si debba decarbonizzare, ma la soluzione non è non fare il piano e bloccare tutto in attesa di non si sa cosa. Ho preteso che il nostro ministero facesse uno sforzo enorme per fare il Pitesai entro il 30 settembre. Quando il piano sarà presentato a quel punto non ci saranno più chiacchiere, si fa quello che dice il piano. Nel frattempo io non ho accettato nessuna richiesta di nuova installazione, ma avevo il dovere di mandare avanti le autorizzazioni approvate che giacevano nei cassetti. C’è una programmazione, qualcuno non l’ha fatta quando doveva, ma non è colpa mia”.  ANSA

Condividi