Bassi standard di qualità, Fda blocca produzione vaccino J&J a Baltimora

vaccino Johnson & Johnson trombosi rare

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha chiesto l’interruzione della produzione di vaccini anti-Covid Johnson & Johnson in uno stabilimento di Baltimora dove il mese scorso erano state rovinate circa 15 milioni di dosi. Il gigante farmaceutico aveva detto all’AFP alla fine di marzo di aver identificato un lotto di dosi in uno stabilimento di Baltimora gestito da Emergent BioSolutions “che non soddisfaceva gli standard di qualità”. Il New York Times ha poi rivelato che si trattava di circa 15 milioni di dosi.

Emergent BioSolutions ha dichiarato in una nota per la Securities and Exchange Commission che la Fda ha chiesto il 16 aprile di interrompere la produzione nello stabilimento di Baltimora in attesa di una ispezione. “Il 16 aprile 2021, su richiesta della Fda, Emergent ha accettato di non avviare la produzione di alcun nuovo materiale presso la sua struttura di Bayview e di mettere in quarantena il materiale esistente fabbricato presso la struttura di Bayview in attesa del completamento dell’ispezione e della riparazione di eventuali anomalie“, si afferma nella nota.

vaccino J&J, indagine interna

La stessa Johnson & Johnson aveva annunciato una indagine interna. L’impianto Emergent BioSolutions non era stato autorizzato dai regolatori statunitensi all’epoca a produrre una “sostanza farmaceutica” per il vaccino J&J, ha detto la società farmaceutica, ma i media statunitensi hanno riferito che prevedeva di produrre decine di milioni di dosi nel prossimo futuro.

https://www.laregione.ch

Condividi