Utero in affitto: ora si chiama ‘gravidanza solidale’. In parlamento Ddl per favorirlo

gravidanza solidale

Un disegno di legge a favore, e per la regolamentazione, della gestazione per altri, per la possibilità di una gravidanza solidale tra donne, è stata depositata ieri in parlamento dagli onorevoli Guia Termini, Doriana Sarli, Riccardo Magi, Nicola Fratoianni ed Elisa Siragusa.
Come scrive www.repubblica.it, è un testo nato dal lavoro straordinario di numerosi giuristi e realtà associative per i diritti civili e la salute riproduttiva che è stato incardinato dall’associazione Coscioni e Certi Diritti”, dicono Filomena Gallo e Leonardo Monaco, segretari delle due associazioni. Un testo che va ad aggiungersi ai due, contrari alla gestazione per altri, presentati dalle onorevoli Giorgia Meloni e Mara Carfagna.

“La proposta di legge – recita il testo – si pone l’obiettivo di disciplinare e regolamentare il tema della gravidanza solidale e altruistica in Italia, al fine di evitare situazioni di incertezza normativa e fornire piena tutela ai diritti di tutti i soggetti coinvolti e, in particolar modo, ai minori nati all’esito di tale percorso, anche all’estero, a seguito dell’applicazione della legge straniera”.

Una regolamentazione di tutte le fasi del percorso di gravidanza solidale e altruistica nel rispetto degli standard internazionali in materia di diritti umani, infatti, consentirebbe di evitare gli abusi che spesso discendono proprio dalle lacune normative.

Con la definizione di “gravidanza solidale e altruistica”, si fa riferimento alla gestazione portata avanti da una donna che sceglie in maniera libera, autonoma e volontaria di ospitare nel proprio utero un embrione sviluppato attraverso le tecniche di fecondazione in vitro, di favorirne lo sviluppo fino alla fine della gravidanza, compreso il parto.

Nel testo viene specificato che “la procedura che ci si prefigge di regolamentare, dunque, rappresenta una soluzione per i soggetti singoli ovvero per le coppie che, a causa della loro sterilità e/o infertilità, non possono intraprendere una gravidanza ovvero non riescono a portarla a termine, per ragioni medico-fisiologiche o situazioni personali, di carattere psicologico o sociali, oggettivamente valutabili”.

Condividi

 

One thought on “Utero in affitto: ora si chiama ‘gravidanza solidale’. In parlamento Ddl per favorirlo

Comments are closed.