Calenda: “Pd non è un partito ma una seduta di psicanalisi collettiva”

Calenda Letta

Enrico Letta “vedrà anche Renzi”, perché “ha un approccio ‘voglio bene a tutti’. Ma anche questo approccio ha dei limiti. Io ero nel governo Letta, ho vissuto quella tregenda…”. Lo ha detto Carlo Calenda a Tagadà, su La7.

“In questo momento quelli che hanno acclamato Letta sono esattamente gli stessi che l’hanno mandato a casa. Quello non è un partito, ma una grande seduta di psicanalisi collettiva -ha aggiunto Calenda, leader di Azione-. Io gli voglio bene, ma sono loro che se le dicono. Zingaretti lo ha detto andando via. Sono una comunità straordinaria ma quello che si dicono loro tra di loro è terrificante”. (adnkronos)

Letta: serve una legge sull’omofobia

Scuola, Letta: Erasmus obbligatorio per i ragazzi

Nuovo Pd, Letta: “Ius soli è una cosa di civltà”

Tra l’altro il nuovo segretario ha riservato diverse stoccate ai compagni: “Un partito come il nostro, organizzato con vertici tutti uomini, semplicemente in Europa non ha cittadinanza. Un uomo segretario, due capogruppo maschi, tre ministri maschi nel governo, cinque presidenti di Regione maschi: questa è la nostra prima fila. È irricevibile”.

 

Condividi