Assange, giudice respinge l’estradizione

LONDRA – La giustizia britannica ha respinto la contestata istanza di estradizione negli Usa di Julian Assange, dove il fondatore australiano di WikiLeaks è accusato di spionaggio e pirateria per aver contribuito a svelare file riservati statunitensi relativi fra l’altro a crimini di guerra in Afghanistan e Iraq. A emettere il verdetto, a sorpresa rispetto alle attese, è stata la giudice Vanessa Baraister.

Integratori alimentari Free Health Academy

La giudice ha anche affermato che nelle carceri USA non ci sarebbero sufficienti garanzie per impedire un eventuale suicidio.

Assange, che Oltreoceano rischia una condanna a 175 anni, sarebbe infatti a rischio di suicidio, ha decretato la giudice. Washington potrà fare appello.

Condividi