La Grecia chiederà ai partner UE l’embargo su armi alla Turchia

La Grecia chiederà ai partner dell’Unione Europea di attuare un embargo sulla vendita di armi alla Turchia al Consiglio Europeo in programma questa settimana. Lo scrive Kathimerini, precisando che il premier Kyriakos Mitsotakis intende avvertire gli altri capi di stato e di governo del pericolo che Ankara usi quelle stesse armi contro uno stato membro dell’Unione.

Integratori alimentari Free Health Academy

La Grecia è particolarmente preoccupata dai sommergibili tedeschi T-214: la Germania dovrebbe spedire componenti di sei sottomarini in Turchia, dove la costruzione dei sottomarini verrà ultimata. Mitsotakis e il ministro degli Esteri greco Nikos Dendias hanno più volte sollevato l’argomento con la cancelliera Angela Merkel e con il ministro degli Esteri Heiko Maas. La Germania e la Spagna non sono favorevoli all’embargo, preoccupate per i contraccolpi economici, ricorda il giornale, mentre l’Olanda, nonostante importanti investimenti in Turchia, sarebbe a favore.

Atene sostiene che le armi che non andranno in Turchia possono essere facilmente vendute ad altri paesi, come già avvenuto in passato con forniture inizialmente destinate alla Russia, poi colpita da embargo dopo l’invasione della Crimea nel 2014.

“Ci sono state troppe provocazioni e tensioni tra Turchia, Cipro e Grecia” che “hanno impedito qualsiasi colloquio diretto”, ha detto il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, a margine del Consiglio esteri. I capi delle diplomazie europee parleranno oggi “di quali conseguenze dovremmo trarre, anche in vista del vertice Ue di questa settimana”, ha aggiunto il ministro tedesco.

“Non possiamo più accettare la politica della porta aperta contro quella della porta chiusa perseguita da Ankara” nei confronti dell’Ue, ha ammonito il ministro degli Esteri austriaco, Alexander Schallenberg, a margine del Consiglio Esteri. Con la Turchia serve “un linguaggio molto chiaro” e “mi aspetto che al prossimo vertice Ue vengano prese decisioni chiare e inequivocabili”, ha sottolineato. ANSA EUROPA

Condividi