Covid, Italia dona attrezzature mediche al Kosovo

PRISTINA, 18 NOV – Elettrocardiografi digitali, defibrillatori, ossigenatori e numerosi altri apparati elettromedicali sono stati donati dai militari italiani del Regional Command West di KFOR ai centri di medicina familiare dei comuni di Kacanik ed Helez Han, nel sud-est del Kosovo. L’iniziativa – ha riferito KFOR in un comunicato – è destinata ad accrescere l’efficienza delle strutture che forniscono assistenza sanitaria agli oltre 45.000 abitanti di due tra le municipalità più colpite dalla seconda ondata del Covid-19.

Il progetto, finanziato dal Ministero della Difesa, è stato portato a termine dai militari italiani del Comando Regionale Ovest della missione NATO KFOR su base 5° reggimento artiglieria terrestre “Superga” dell’Esercito di stanza a Portogruaro, al comando del Colonnello Gianluca Figus, insieme al team di cooperazione civile-militare.

Numerose sono le attività condotte in tutto il Kosovo dalla missione NATO a sostegno della risposta locale al Covid-19. La scorsa settimana il contingente italiano di KFOR, aveva ripristinato l’impianto per la produzione di ossigeno medicale dell’ospedale regionale di Prizren.

La missione della NATO KFOR è comandata dal Generale di Divisione italiano Franco Federici e conta su 3.500 uomini e donne di 27 Nazioni, impegnati a contribuire alla sicurezza e alla libertà di movimento di tutte le comunità in Kosovo secondo il mandato della risoluzione ONU 1244 del 1999.

L’Italia è il secondo Paese contributore dopo gli Stati Uniti, ed è impegnata insieme agli altri alleati e partner anche ad assistere in modo imparziale le Istituzioni in Kosovo in determinati ambiti come quello della salute e dell’istruzione.  ANSAMED

Kosovo: 900 moschee finanziate dall’estero nel paradiso dei foreign-fighters

L’On. Mario Borghezio ‘scoperchia’ la realtà, accuratamente messa in ombra dall’UE, dell’infiltrazione jihadista in Kosovo con un’interrogazione nella quale osserva che “nello scorso giugno sono stati individuati elementi di gruppi jihadisti kosovari che progettavano attentati sia a Pristina, contro i civili e la KFOR, sia in altre città europee. La predicazione di numerosi imam fondamentalisti,…

L’Arabia Saudita ha trasformato il Kosovo in un covo di jihadisti

Tutto è iniziato nel 1999, quando il paese è diventato indipendente dopo la guerra contro la Serbia. I sauditi hanno trasformato questa società musulmana una volta tollerante … in vivaio jihadista

Condividi