Covid, farmaco con anticorpi monoclonali a marzo: immunità per 6 mesi

“Con gli anticorpi monoclonali, si ha l’immunità per 6 mesi. Il nostro piano prevede di avere il farmaco a disposizione a marzo”. Il professor Rino Rappuoli, direttore scientifico della divisione vaccini di GSK, si esprime così a Che tempo che fa. “Gli anticorpi monoclonali sono sostanze presenti nel sangue delle persone che guariscono dal virus. Siamo riusciti ad ottenere il sangue di alcuni soggetti convalescenti, collaborando con l’Istituto Spallanzani e con l’ospedale di Siena, abbiamo isolato le cellule che producono queste difese naturali. Abbiamo scelto le cellule superpotenti e le stiamo espandendo a livello industriale per reiniettarle nelle persone. Lo scopo del vaccino è indurre gli anticorpi, noi diamo gli anticorpi subito. Li produrremo in grandi quantità, il nostro obiettivo è somministrarlo con un’iniezione”, aggiunge.

“L’anticorpo monoclonale ha due usi: una per le persone sane. Viene dato un anticorpo oggi e da domani queste persone sono protette e sono immuni per circa 6 mesi. Questo è il nostro scopo. Nei modelli animali abbiamo dimostrato che l’anticorpo previene l’infezione e la cura. Sono molto convinto che questi anticorpi funzioneranno”, spiega.

“Alcune aziende negli Usa sono un po’ più avanti, hanno iniziato le prove cliniche e l’anticorpo funziona. Il nostro piano di lavoro prevede di cominciare le prove cliniche prima di Natale, finirle entro febbraio e a marzo avere il farmaco a disposizione con le prime migliaia di dosi e poi averne sempre di più”, dice Rappuoli. adnkronos

Condividi