Covid, Sileri: No corsa ai tamponi, fate la quarantena

“Vedo una corsa troppe volte ingiustificata al tampone. Se hai avuto un contatto stretto devi metterti in quarantena per 10 giorni e poi fare il test. Prima si rischia di non rilevare il virus che è ancora in incubazione e di infettare i propri familiari”. A indicarlo è il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ricordando che anche le code al drive-in per i tamponi possono essere occasioni di contagio.

Covid, Inps: “La quarantena non è malattia”

Circa 1.400 unità impegnate, distribuite in 200 team in grado di eseguire fino a 30mila tamponi al giorno, operative a partire dal prossimo fine settimana. E’ questo il contributo dell’ “Operazione Igea”, condotta da team interforze della Difesa, composti da personale di tutte le Forze Armate, che il Ministero ha messo a disposizione dei cittadini su tutto il territorio nazionale per incrementare la capacità giornaliera del Paese di effettuare tamponi.

“La Difesa – ha detto il ministro Lorenzo Guerini – è in campo dall’inizio di questa emergenza e ha messo a disposizione da subito tutte le sue capacita’ e mezzi. Anche in questa fase, gli uomini e le donne di tutte le Forze Armate, continueranno ad operare al servizio dei cittadini con impegno e determinazione”.  tgcom24.mediaset.it

Condividi