Napoli, conflitto a fuoco con la polizia: muore rapinatore 17enne

Un rapinatore è morto e un altro arrestato in un conflitto a fuoco con la polizia nella notte a Napoli. La vittima è un minore di 17 anni. Gli agenti sono intervenuti per sventare una rapina ai danni di alcuni minorenni. Al momento non sono ancora state rese note le generalità della vittima.

A morire è stato uno dei due giovanissimi banditi, mentre il secondo che è stato arrestato, si è appreso, è il figlio di Genny ‘a Carogna, l’ultrà del Napoli balzato anni fa agli onori delle cronache prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina, nel 2014, quando fu ucciso Ciro Esposito, tifoso del Napoli, da un ultras della Roma.

ANSA – Secondo le prime informazioni, il giovane e un complice erano a bordo di uno scooter – successivamente risultato rubato – in via Duomo, nel centro storico, quando hanno avvicinato un’auto. I due rapinatori erano armati: uno di loro sarebbe entrato nella vettura ed è in quel momento che sarebbe arrivata la pattuglia della Polizia. Nel corso dell’azione, il poliziotto ha sparato ed uno dei giovani è rimasto ucciso. L’altro ragazzo, un diciottenne, è stato arrestato e gli agenti hanno recuperato la pistola che avevano i due rapinatori.

Condividi