Stipendio raddoppiato, Tridico: “Attaccano me per colpire il governo”

“Mi ha sorpreso il modo in cui è stata trattata la vicenda che, soprattutto in Rete ha scatenato centinaia di commenti sfociati anche in minacce e insulti alla mia persona. Ribadisco che non mi è stato riconosciuto un arretrato di 100mila euro e che l’aumento non l’ho deciso io”. Lo dice il presidente Inps Pasquale Tridico in una lettera a Repubblica. Il quotidiano replica: è quanto scritto in atti interministeriali.

Tridico si rivolge all’autore di un articolo nel quale il presidente Inps intravede inesattezze e che ruoterebbe intorno a due falsi:. “Per effetto del decreto interministeriale che stabilisce i compensi del Cda di Inps (e Inail), al sottoscritto sarebbe riconosciuto un arretrato di 100mila euro. Questo il primo falso – scrive -. La realtà invece è che la nuova misura del compenso previsto per il presidente dell’Istituto decorrerà non da maggio 2019, bensì dal 15 aprile 2020, vale a dire da quando si è insediato il Cda e ne ho assunto la carica di presidente”.

“Il secondo falso – aggiunge – è che non è nei poteri del presidente o di qualsiasi altro organo dell’istituto determinarsi i compensi”.

Il quotidiano replica spiegando che l’articolo “riporta fedelmente il contenuto di atti ufficiali quale un decreto interministeriale che aumenta i compensi… dalla data di nomina del presidente e scritto in modo da autorizzare il riconoscimento degli arretrati”.

Al di là del fatto tecnico e burocratico, Tridico vede nell’esasperazione di questa notizia il tentativo politico di attaccare l’esecutivo Conte. “Infangano me per colpire il governo” dice alla Stampa, ribadendo di non aver alcuna intenzione di dimettersi. E rilancia, tirando in ballo il collega di area leghista Gian Carlo Blangiardo: “Perché se il presidente dell’ Istat prende 240mila euro non si scandalizza nessuno?”.  tgcom24.mediaset.it

Condividi