Venezia: cercasi migranti come mediatori culturali nei musei

Gianfranco Ferroni – Forse qualcuno dovrà mettere in contatto il miliardario Françoise Pinault e il governatore della Regione Sicilia Nello Musumeci. Sì, perché il mecenate transalpino cerca migranti da inserire come mediatori negli spazi museali di Palazzo Grassi e Punta della Dogana, a Venezia.

Il progetto di Pinault si chiama “Altri Sguardi”, ed è un bando di mediazione culturale museale rivolto a richiedenti asilo e rifugiati politici risiedenti nella città metropolitana di Venezia, che, dopo un periodo di formazione a cura dello staff di Palazzo Grassi, offre l’occasione di tenere delle visite guidate speciali per il pubblico. Fino a lunedì 14 settembre sarà possibile proporre la propria candidatura sul sito di Palazzo Grassi alla voce “lavora con noi”, per partecipare è necessario aver conseguito la maggiore età entro la data di scadenza della open call e una buona conoscenza della lingua italiana.

I candidati seguiranno un percorso di formazione volto a potenziare le loro capacità di mediazione e racconto e saranno invitati a scoprire le mostre in corso: l’inedito progetto espositivo dedicato al grande fotografo “Henri Cartier-Bresson. Le Grand Jeu”, la monografica “Youssef Nabil. Once Upon a Dream” a Palazzo Grassi e la collettiva “Untitled, 2020. Tre sguardi sull’arte di oggi” a Punta della Dogana. In una seconda fase ognuno di loro dovrà reinterpretare liberamente alcune tra le opere esposte. Sì, qualcuno metta in contatto Pinault con Musumeci… www.iltempo.it

Condividi

 

Secured By miniOrange