Coronavirus, Cina: traffico anomalo negli ospedali già a settembre

DAGONEWS – – Cosa ci ha nascosto la Cina? È una domanda che tutto il mondo si pone da gennaio, e più passa il tempo più la risposta sembra essere: tanto, troppo, tutto. Alcuni ricercatori dell’università di Harvard, per esempio, hanno analizzato i dati dei satelliti e hanno scoperto un traffico anomalo nelle vicinanze degli ospedali di Wuhan. Quando? Alla fine della scorsa estate! In quel periodo, secondo lo studio guidato dal Dr. John Brownstein, da quella zona c’è stato un picco di ricerche su internet dei sintomi tipici del Coronavirus, come tosse, difficoltà respiratoria, eccetera.

Peccato che Xi Jinping non abbia notificato nulla all’OMS del fido Ghebreyesus fino al 31 dicembre. Brownstein sostiene che nei presidi sanitari della città da cui tutto è partito i parcheggi erano stracolmi a settembre/ottobre. Per fare un esempio: il 10 ottobre 2019 al Tianyou Hospital c’erano 285 auto parcheggiate, il 67% in più delle 171 che si contavano lo stesso giorno di un anno prima. Ma in altri ospedali l’aumento sarebbe arrivato al 90%. “È evidente che i parcheggi si riempiono quando un ospedale è pieno, ed è pieno perché qualcosa sta succedendo nella comunità, come un’infezione che si diffonde”.

Condividi