UE, parte la missione Irini

BRUXELLES, 29 APR – Irini, la nuova missione navale europea per il monitoraggio dell’embargo Onu sulle armi alla Libia, sarà operativa nei prossimi giorni. Lo spiega Peter Stano, portavoce dell’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell. Ieri è stata raggiunta un’intesa tra gli Stati membri per la fornitura delle prime navi, aerei e satelliti necessari per avviare l’operazione, e “la vasta maggioranza di Paesi si è impegnata a destinare personale e mezzi, a breve, alla missione.

Questo permetterà a Irini di avere un capacità operativa iniziale abbastanza a breve”, afferma il portavoce.(ANSAmed).

La nuova missione dovrebbe sostituire l’operazione antiscafisti Sophia, il cui mandato è scaduto a fine marzo. Vari nodi sono stati sciolti nelle scorse settimane, per risolvere la questione dei porti di sbarco e della ridistribuzione di eventuali migranti salvati in mare. Irini dovrebbe infatti contare su mezzi aerei, navali e satellitari, e sebbene il soccorso dei migranti non sia al centro del suo mandato, in base alla legge internazionale, le navi che partecipano all’operazione sono tenute a salvare eventuali naufraghi.

“Missione Irini”, UE e ONU organizzano l’immigrazione

 

Condividi