Coronavirus, Spagna: marocchini pagano 5000 euro agli scafisti per tornare in patria

L’immigrazione sembra aver cambiato direzione con la pandemia di coronavirus. Gli illegali marocchini che erano arrivati clandestinamente in Spagna, ora fanno il percorso inverso, alle stesse condizioni, per fuggire dal covid-19 e rientrare al Marocco. L’importante per loro è raggiungere la costa marocchina, indipendentemente dal prezzo da pagare. Cento giovani marocchini hanno pagato ciascuno 60.000 dirham [circa 5.400 euro], per viaggiare a bordo di due gommoni e raggiungere il Marocco.

Lo stato di massima allerta è stato dichiarato nella regione di Larache (Marocco) dalla gendarmeria e dalle autorità locali. Se la paura della pandemia è la prima ragione di questa immigrazione, bisogna dire che l’istituzione dello stato di emergenza in Spagna, la disoccupazione e la pressione esercitata sui trafficanti di droga, hanno costretto questi marocchini a tornare nel loro paese. […]

Ma temendo di essere perseguiti dalle autorità, questi giovani “si sono volatilizzati non appena sono arrivati”. […] La ricerca continua nei pressi dei comuni di Moulay Bousselham e Sidi Boubker Haj,  nella provincia di Kenitra. L’obiettivo principale è garantire che questi immigrati non costituiscano una fonte di contagio con il coronavirus.  www.fdesouche.com

Condividi